Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Dopo la votazione federale del 28 febbraio 2016


Le sette migliori citazioni sulla democrazia diretta







Edward Snowden, l'ex collaboratore della CIA che ha denunciato i programmi di intercettazione degli Stati Uniti, è fiero della democrazia diretta della Svizzera (Reuters)

Edward Snowden, l'ex collaboratore della CIA che ha denunciato i programmi di intercettazione degli Stati Uniti, è fiero della democrazia diretta della Svizzera

(Reuters)

La "talpa del datagate" americana Edward Snowden, la ministra di giustizia svizzera Simonetta Sommaruga o ancora il suo collega tedesco Heiko Maas: dopo il chiaro no del popolo svizzero all’iniziativa di attuazione dell’Unione democratica di centro (UDC), queste e altre personalità hanno espresso la loro opinione sulla democrazia diretta in Svizzera.

Qui una selezione delle sette migliori citazioni.

«Sono fiero della Svizzera, la cui democrazia diretta ha sconfitto la xenofobia. A sinistra [nell’immagine]: campagna di quando lavoravo lì. A destra: oggi.»

Edward Snowden, ex collaboratore della CIA che dal 2007 ha lavorato per un certo periodo a Ginevra

«Gli aventi diritto di voto hanno affermato che in una democrazia diretta nessuno può essere onnipotente, nemmeno gli elettori. Gli elettori hanno deciso che non vogliono sostituirsi ai tribunali e al parlamento. Questo è un segno di maturità democratica.»

Simonetta Sommaruga, ministra di giustizia svizzera

«L’esistenza di valori comuni è rimessa in discussione in modo sconsiderato da un numero crescente di iniziative che avanzano esigenze sempre maggiori. Ciononostante è andata ancora una volta bene. La democrazia diretta non ha però ancora trovato risposta a questa sfida.»

Eric Guyer, capo redattore della Neue Zürcher Zeitung

«La Svizzera si è concessa una boccata di ossigeno. Ma a lungo termine è indebolita dalla sindrome della roulette russa. La democrazia diretta offre troppe possibilità ai populisti di far tremare il paese».

François Cherix, copresidente del Nuovo movimento europeo svizzero (Numes)

«Certo, ieri abbiamo assistito al momento magico dell’impegno cittadino (e non solo a quello della democrazia diretta). Ma non si può ancora escludere che questo momento magico sia alla fine effimero.»

Nordwestschweiz, giornale svizzero

«Gli svizzeri mostrano in maniera imponente che c’è una differenza tra le parole pronunciate al bar e l’opinione del popolo.»

Heiko Mass, ministro di giustizia tedesco

«Dopo una campagna elettorale unilaterale di un’ampiezza mai vista prima da parte di media, giudici, professori, artisti sovvenzionati e della classe politica, l’UDC si aspetta un ritorno ai punti di forza della democrazia diretta e all’autodeterminazione della Svizzera.»

UDC, presa di posizione dopo la sconfitta del 28 febbraio 2016

swissinfo.ch

×