Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Jørn Dohrmann


"L’Unione europea è un progetto delle élite"





A Bruxelles come a Strasburgo, i politici sono troppo distanti dal popolo e incapaci di comprenderne i bisogni, afferma l’europarlamentare danese Jørn Dohrmann in un’intervista alla “NZZ am Sonntag”. La partecipazione democratica va rafforzata e il modello elvetico potrebbe fungere da modello, secondo il capo della delegazione al Parlamento europeo per le relazioni con la Svizzera.

“I funzionari e i politici sono troppo concentrati su loro stessi e troppo poco sui bisogni della popolazione. Non vi è la prossimità necessaria tra élite e cittadini”, afferma l’europarlamentare Jørn Dohrmann, in un’intervista al settimanale svizzero-tedesco “NZZ am Sonntag”.

Dal suo punto di vista, l’Unione europea dovrebbe rafforzare la partecipazione democratica attraverso lo strumento dell’iniziativa cittadina. Ma “più partecipazione significherebbe probabilmente anche molta meno Europa”, avverte il rappresentante della destra populista ed euroscettica. “Il popolo sarebbe certamente critico” nei confronti di alcune politiche comunitarie.

Il sistema politico svizzero, al cui centro vi è la democrazia diretta, potrebbe fungere da esempio per alcuni paesi europei. “È importante che la gente possa esprimersi sui grandi temi”, sostiene Jørn Dohrmann, che vede però anche dei limiti nel modello elvetico. “Se si vota su ogni piccolo dettaglio vi è il rischio che la gente pensi solo a sé stessa e perda di vista la visione d’insieme”.

Interrogato sul futuro delle relazioni tra Berna e Bruxelles, messe a male dopo la decisione del popolo svizzero di porre un freno all’immigrazione, Jørn Dohrmann si dice ottimista. “Credo che troveremo una soluzione” sulla libera circolazione delle persone. 

“Probabilmente non subito, dato che in autunno ci sono le elezioni. Ma la Svizzera ha tutto l’interesse a mantenere le relazioni bilaterali. E gli ultimi mesi hanno dimostrato che anche in seno all’UE l’immigrazione e la questione dei profughi sono un tema di dibattito”. La reintroduzione di una clausola di salvaguardia per limitare l’immigrazione potrebbe essere una soluzione accettabile, secondo Jørn Dohrmann, anche perché diversi paesi europei si stanno ponendo la stessa domanda. 

swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×