Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Stop alla marea di iniziative dell’UDC


Christoph Blocher vuole meno iniziative popolari







Christoph Blocher vuole limitare la marea di iniziative lanciate dal suo partito. (Keystone)

Christoph Blocher vuole limitare la marea di iniziative lanciate dal suo partito.

(Keystone)

È forse una conseguenza della sconfitta alle urne dell’iniziativa per l’attuazione dell’espulsione degli stranieri? Lo stratega dell’Unione democratica di centro (UDC) Christoph Blocher chiede al suo partito di mettere un freno alle iniziative popolari. La destra conservatrice deve risparmiare le forze per lottare contro il previsto accordo quadro tra la Svizzera e l’Unione europea, come pure per sostenere l’iniziativa “Diritto svizzero anziché giudici stranieri”.

I toni del vicepresidente dell’UDC ed ex consigliere federale sono cambiati. «Dobbiamo fare attenzione a non lanciare iniziative popolari ogniqualvolta c’è qualcosa che non ci soddisfa», ha affermato Christoph Blocher al quotidiano svizzero tedesco Tages-Anzeiger (nell’edizione del 1. marzo 2016). Le sue dichiarazioni sono giunte due giorni dopo la sconfitta alle urne dell'iniziativa per l'attuazione.

L’iniziativa è uno strumento dell’opposizione, ha detto. Dal dicembre scorso, l’UDC dispone però di due ministri nel governo svizzero. Il partito deve quindi «utilizzare la sua forza a livello del Consiglio federale e del parlamento», secondo Christoph Blocher.

Per lo stratega dell’UDC, le iniziative popolari per la reintroduzione dei controlli alle frontiere e per il divieto di dissimulare il viso in pubblico sono delle spine nel fianco. La prima verrà lanciata dall’Associazione per una Svizzera neutrale e indipendente (ASNI), molto vicina all’UDC. La seconda, che mira a un divieto del burqa e del niqab, è frutto del comitato di Egerkingen, in cui figurano membri della destra conservatrice.


Traduzione dal tedesco di Luigi Jorio, swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×