Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

#Locarno69


Un vento di libertà soffia sul festival di Locarno


Di Stefania Summermatter e Duc Nguyen


Libera e varia: è così che il direttore artistico Carlo Chatrian ha immaginato la 69esima edizione del festival di Locarno, in programma dal 3 al 13 agosto. Tra i 17 lungometraggi in competizione, figurano anche due film svizzeri: “La idea de un lago” di Milagros Mumenthaler e “Marija” di Michael Koch. Al romando Frédéric Mermoud spetterà invece l’onore di presentare “Moka” sulla Piazza Grande.

Deceduto il 4 luglio 2016, il regista iraniano Abbas Kiarostami aveva un forte vincolo con Locarno. Il festival gli aveva infatti dedicato un'ampia retrospettiva nel 1995 e nel 2005 lo aveva omaggiato con il Pardo d'onore. A lui e a Michael Cimino, scomparso il 2 luglio, è dedicata la 69esima edizione del festival.  (Keystone)

Deceduto il 4 luglio 2016, il regista iraniano Abbas Kiarostami aveva un forte vincolo con Locarno. Il festival gli aveva infatti dedicato un'ampia retrospettiva nel 1995 e nel 2005 lo aveva omaggiato con il Pardo d'onore. A lui e a Michael Cimino, scomparso il 2 luglio, è dedicata la 69esima edizione del festival. 

(Keystone)

A qualche spettatore inavvertito mancherà forse il tappeto rosso. Ma non è su questo che intende puntare il festival del film di Locarno. La 69esima edizione segna infatti il ritorno allo spirito originario della rassegna, “che ha dato spazio a cinematografie meno note e a registi emergenti”, ha spiegato durante la conferenza stampa a Berna Carlo Chatrian, il cui mandato di direttore artistico è stato rinnovato fino al 2020.

Molti dei film in cartellone quest’anno escono dai sentieri battuti e s’interrogano sul clima di indifferenza e chiusura che sembra segnare il nostro tempo. Ne sono un esempio la retrospettiva dedicata al cinema tedesco del secondo dopoguerra, o la rassegna dedicata al cineasta e scrittore Alejandro Jodorowsky, che riceverà il Pardo d’onore.

La Piazza Grande, vera e propria vetrina del festival, vedrà sfilare tra gli altri l’ultimo film di Ken Loach “I, Daniel Blake”, vincitore della Palma d’oro a Cannes, e “Le ciel attendra”, un film di Marie-Castille Mention-Schaar sul tema della radicalizzazione jihadista delle giovani francesi. 

In lizza per il Pardo d’Oro ci sono invece 17 film, di cui otto realizzati da donne. Tra di esse figura anche la svizzera Milagros Mumenthaler che dopo aver vinto nel 2011 con “Abrir puertas y ventanas” torna a Locarno con un film che ha per sfondo la dittatura argentina. Al suo fianco ci sarà anche un altro regista elvetico, il 34enne Michael Koch, che con il suo primo lungometraggio “Marija” racconta la storia di una giovane ucraina impiegata come donna delle pulizie in Germania.

Al festival di Locarno sarà poi reso omaggio anche a due grandi registi scomparsi di recente: Michael Cimino e Abbas Kiarostami. Del grande regista iraniano, che si era fatto un nome proprio a Locarno, verrà presentato in prima mondiale il lavoro realizzato a Cuba nell’ambito di un laboratorio di formazione cinematografica, un’attività alla quale si era dedicato molto negli ultimi anni. 

I vincitori del Pardo d’Oro dal 1968 ad oggi 

I paesi segnati sulla mappa si riferiscono ai paesi di produzione dei film.


1969 : Pardo d’oro all’unanimità. 


1970 : Pardo d’oro ex equo. 


1971 : Pardo d’oro per la miglior opera prima. 


1982: La Giuria decide di non attribuire premi ma assegna quattro menzioni. 


1988: Pardo d’oro ex equo. (swissinfo.ch)

I paesi segnati sulla mappa si riferiscono ai paesi di produzione dei film.

1969 : Pardo d’oro all’unanimità. 

1970 : Pardo d’oro ex equo. 

1971 : Pardo d’oro per la miglior opera prima. 

1982: La Giuria decide di non attribuire premi ma assegna quattro menzioni. 

1988: Pardo d’oro ex equo.

(swissinfo.ch)


swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×