Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Votazione federale I nipoti d'immigrati potranno diventare svizzeri più facilmente

Gli stranieri di terza generazione potranno ottenere il passaporto rossocrociato più facilmente: il 60,4% dei votanti e 17 cantoni hanno detto sì al progetto di naturalizzazione agevolata. L’Unione democratica di centro, unico partito di governo contrario alla riforma, registra una sconfitta sul suo terreno di battaglia, la migrazione.



Chi possiede il passaporto svizzero tra questi giovani? Spesso gli stranieri di terza generazione non si distinguono in nulla dai loro compagni svizzeri. 

Chi possiede il passaporto svizzero tra questi giovani? Spesso gli stranieri di terza generazione non si distinguono in nulla dai loro compagni svizzeri. 

(Keystone)

La Svizzera ha fatto un piccolo passo a favore dei nipoti degli immigrati, nati e cresciuti in Svizzera: con il 60,4% di sì il popolo ha infatti accettato di iscrivere nella Costituzione il principio della naturalizzazione agevolata per gli stranieri di terza generazione. Per i giovani sarà dunque un po' più facile e meno costoso ottenere il passaporto rossocrociato, anche se le condizioni per accedere alle procedure restano severe.

25’000 nuovi svizzeri

Complessivamente, quasi 25’000 giovani potrebbero presentare una domanda di naturalizzazione facilitata secondo uno studio realizzato da Philippe Wanner, professore all’Università di Ginevra. La cifra corrisponde a circa 2’200 persone all’anno. La maggior parte possiede la nazionalità italiana, ma a essere interessati sarebbero anche numerosi giovani originari dalla Turchia e dai Balcani.

Fine della finestrella

La riforma – sostenuta da tutti i partiti di governo ad eccezione dell’Unione democratica di centro (Udc, destra conservatrice) – è stata approvata anche da una maggioranza dei cantoni. Solo sei si sono opposti, tra cui Appenzello interno (56,4%), Svitto (54,2%) e Obvaldo (53,6%). Sul fronte opposto, il sì più netto è giunto senza sorpresa dalla Svizzera francese, con Ginevra (74%) e Vaud (72,8%) in testa.

Malgrado i sondaggi avessero previsto un sì nelle urne, il risultato era tutt’altro che scontato. Non solo era necessaria la doppia maggioranza di popolo e cantoni, trattandosi di una modifica costituzionale, ma in passato la Svizzera aveva già respinto per ben quattro volte dei progetti di naturalizzazione facilitata per i discendenti degli immigrati. L’ultimo caso risale al 2004, quando il 51,6% dei cittadini aveva bocciato il rilascio automatico del passaporto agli stranieri di terza generazione. Anche una semplificazione della procedura per la seconda generazione era stata respinta. 

Grafico naturalizzazioni

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Naturalizzazione agevolata, ma con criteri severi

Il testo approvato oggi dal popolo è il frutto di un compromesso politico: per raggiungere una maggioranza in parlamento, le condizioni per accedere alla procedura sono state rese più severe e a differenza del 2004 oggi non si parla più di un automatismo.

Gli stranieri dovranno ancora candidarsi, ma non saranno più sottoposti a dei test d'integrazione e la procedura sarà gestita a livello federale.

I candidati dovranno però rispettare diversi criteri:  avere meno di 25 anni, essere nati in Svizzera, detenere un permesso di domicilio (permesso C) e aver frequentato almeno 5 anni di scuola dell’obbligo nella Confederazione.

E non è tutto. Questi ultimi due criteri dovranno essere soddisfatti anche da almeno uno dei genitori, che dovrà aver vissuto in Svizzera per 10 anni. Per quanto riguarda i nonni del candidato, uno dei due dovrà poter dimostrare di aver avuto un permesso di dimora o di essere nato nella Confederazione. 

Il governo saluta i vantaggi di un compromesso

All’origine del progetto, la consigliera nazionale socialista Ada Marra si è detta "estremamente felice". "Il mio pensiero va a tutti gli stranieri che hanno costruito questo paese con gli svizzeri. Si tratta di una riforma in miniatura, di un piccolo passo, ma indispensabile". L’avallo di popolo e cantoni rappresenta anche una vittoria personale per questa figlia di immigrati italiani, che poco dopo la sua elezione alla Camera bassa, nel 2008, aveva depositato l’iniziativa parlamentare “La Svizzera deve riconoscere i propri figli”, all'origine del testo approvato oggi. 

Responsabile del dossier, la ministra di giustizia e polizia Simonetta Sommaruga ha parlato di un segnale importate a favore di questi giovani nati in Svizzera e ben integrati. "Fanno parte della nostra società e da oggi potranno naturalizzarsi più facilmente ed esercitare i loro diritti", ha detto in conferenza stampa. La consigliera federale socialista ha poi sottolineato che se questa riforma ha convinto è anche perché è il frutto di un compromesso. "Ciò mi rende ottimista per i progetti futuri".

Anche se la riforma toccherà solo 25'000 giovani - circa 2'200 l'anno - si tratta di un passo nella giusta direzione, ha dichiarato dal canto suo il politologo Georg Lutz. "Simbolicamente è un risultato importante".

L’UDC denuncia una “svendita della nazionalità”

Unico partito di governo contrario alla riforma, l’Udc ha invece denunciato "una svendita del passaporto". "Eravamo soli contro tutti. Ora c’è il pericolo che i cantoni abbassino ulteriormente la guardia per quanto riguarda le procedure di naturalizzazione": ha affermato il deputato Jean-Luc Addor (UDC/Vallese), fra i principali oppositori al progetto.

Nota per le sue campagne provocatorie sul tema degli stranieri, l'Udc non ha mancato di suscitare polemica. Alcuni esponenti, tra cui lo stesso Addor, hanno fatto tappezzare le città di manifesti che ritraevano una donna col burka accompagnata dallo slogan "Naturalizzazioni incontrollate? No". E questo nonostante a beneficiare della riforma saranno soprattutto i giovani italiani, spagnoli o turchi. Addor difende la sua scelta. "Temo che tra qualche anno la problematica dell’Islam ci colpirà in pieno volto".

Dello stesso avviso anche il collega di partito Andreas Glarner. "Le conseguenze delle naturalizzazioni incontrollate saranno visibili solo fra alcuni anni", ha indicato all'agenzia telegrafica svizzera (ats). Gli oppositori non intendono tuttavia restare con le mani in mano. Andreas Glarner ha già annunciato l'intenzione di presentare una mozione in parlamento affinché le persone che intendono naturalizzarsi siano obbligate a rinunciare alla loro cittadinanza. 

Una delle leggi più severe d'Europa

Anche con questa apertura concessa ai nipoti d'immigrati, la Svizzera resta uno dei paesi europei più severi in materia di naturalizzazioni. Le regole saranno inoltre inasprite ulteriormente a partire dal 2018, quando entrerà in vigore la nuova legge.

Stando agli esperti di migrazione, questo inasprimento ha spinto un numero crescente di persone a naturalizzarsi nel 2015: 40'888 persone hanno ottenuto il passaporto svizzero, contro le 33'325 nel 2014, secondo i dati della Segreteria di Stato della migrazione. Si tratta di un’inversione di tendenza poiché dal 2006 il numero di naturalizzazioni era piuttosto in calo. 

All'origine di questo aumento vi è anche l'incertezza legata all'iniziativa "Contro l’immigrazione di massa", approvata dal popolo svizzero nel 2014. 

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.


Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×