Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

#WeAreSwissAbroad – Stephan Buser "Qui trovo migliori opportunità professionali"

Mann mit Sonnenbrille vor schneeweisser Moschee

Stephan Buser dinnanzi alla Grande Moschea di Abu Dhabi nel gennaio 2017.

(zVg)

Dopo dieci anni in Brasile, Stephan Buser e la sua famiglia si sono trasferiti negli Emirati Arabi. Ad Abu Dhabi, una città con oltre un milione di abitanti, il 45enne svizzero all'estero apprezza la coesistenza e la convivenza delle diverse culture. 

swissinfo.ch: Perché ha lasciato la Svizzera?

Stephan Buser: Nell'agosto del 2006 sono emigrato in Brasile con la mia famiglia. Volevo sapere cosa significa vivere e lavorare nel paese di origine di mia moglie. Nonostante mi fossi preparato prima viaggiando in Brasile diverse volte e studiando la lingua, la vita nel mio nuovo paese era colma di sorprese. In generale si considera la cultura brasiliana vicina a quella occidentale europea, eppure le differenze sono enormi. 

Per esempio, mi stupì il fatto che la gente dice una cosa e spesso ne pensa un'altra. In Brasile non si usa volentieri la parola "no", per questo la risposta è diversa. A seconda dei casi, questa risposta deve però essere capita come una negazione o una respinta. Bisogna prima di tutto imparare a capire queste sfumature.

Le opinioni espresse in questo testo sono della persona intervistata e non riflettono necessariamente la posizione di swissinfo.ch.

Fine della finestrella

Eravamo determinati a emigrare. Ma siccome la famiglia conta quattro membri, volevo essere sicuro di avere un lavoro prima di partire. Il mio datore di lavoro di allora, una società di catering per compagnie aeree, non poteva offrirmi un trasferimento in Brasile in quel momento. 

La ricerca di lavoro non fu facile nonostante conoscessi il portoghese e avessi un permesso di lavoro. Sono stato fortunato di aver comunque trovato un lavoro per così poter emigrare già con un contratto in tasca. 

swissinfo.ch: Ha vissuto per dieci anni in Brasile. Come si è trovato?

S. B.: Negli ultimi otto anni, in qualità di direttore della Camera di commercio svizzero-brasiliana, ho viaggiato principalmente tra la Svizzera e il Brasile e anche all'interno del paese. È stato un periodo molto interessante.

Bilder von Auslandschweizern

Partecipate a rendere ancora più globale la Svizzera: taggate le vostre immagini Instagram con #WeAreSwissAbroad.

Una selezione di queste fotografie sarà presentata sulla nostra pagina Instagram

(swissinfo.ch)

Il Brasile ha fatto importanti passi avanti dal punto di vista economico, soprattutto se si considera la sua storia. Alla Camera di commercio ho visto molte aziende svizzere per la prima volta in assoluto prendevano in considerazione il Brasile come partner per le esportazioni. 

Rappresentanti del governo svizzero hanno visitato spesso il Brasile e sono stati accolti in incontri con la Camera di commercio. Questo dimostra quanto il Brasile sia importante per la Svizzera. 

In quel periodo, ho capito quanto siano vitali i mercati internazionali per le aziende svizzere, ho avuto modo di conoscere le complesse interrelazioni economiche e politiche e sicuramente sono diventato più cosmopolita grazie alla conoscenza di persone che la pensano diversamente. 

swissinfo.ch: Ha intenzione di tornare in Svizzera?

S. B.: Fondamentalmente sì. Al momento abbiamo deciso di trasferirci negli Emirati Arabi. Vedremo in futuro dove ci porterà questo prossimo passo.

Zwei Männer in Anzügen schütteln sich die Hand

Stephan Buser (a sinistra) nel 2011 al Forum internazionale per gli investimenti di Sao Paulo con l'ex governatore Geraldo Alckmin, candidato nel 2018 alle elezioni presidenziali brasiliane.

(Cris Castello Branco/Governo do Estado de SP)

swissinfo.ch: Per quale motivo ha deciso di lasciare il Brasile per andare negli Emirati Arabi? Qual è la differenza più grande?

S. B.: Negli ultimi anni, in Brasile mi preoccupava molto il tema della sicurezza nelle grandi città come São Paulo, dove vivevamo. Ultimamente sentivo sempre più notizie di aggressioni. Non solo nei media, ma anche esperienze dirette fatte da conoscenti. Negli Emirati Arabi, invece, mi sento molto sicuro. Posso camminare per strada senza nessun problema anche alle due del mattino. 

Invece l'apertura verso gli stranieri è simile in entrambi i paesi. In Brasile è probabilmente dovuta a ragioni storiche, negli Emirati Arabi gli stranieri rappresentano oltre l'80% della popolazione. La convivenza e la coesistenza di diverse culture funzionano molto bene.

Mann und Fahrrad in Sao Paulo auf einem Fahrradweg im Grünen, weit im Hintergrund Hochhäuser

Stephan Buser nel febbraio 2012 in viaggio per Sao Paulo.

(zVg)

swissinfo.ch: Qual è la sua attività professionale attuale?

S. B.: Lavoro presso Etihad Airways nel settore del catering dell'aeroporto di Abu Dhabi come manager operativo. Mi sono riambientato bene nel settore della ristorazione aerea, l'industria in cui lavoravo originariamente in Svizzera. 

Sono felice di poter contribuire con la mia esperienza maturata anche in altri settori. Quella in cui lavoro è una delle più grandi società di catering che abbia mai visto. Nei periodi di punta produciamo oltre 75'000 pasti al giorno e abbiamo un team internazionale di oltre 2500 collaboratori.

Mann vor Flugzeug

Stephan Buser dinnanzi a un A380 della compagnia Etihad Airways nel novembre 2017.

(zVg)

swissinfo.ch: Dove vive attualmente? Le piace la cucina locale?

S. B.: Vivo ad Abu DhabiLink esterno, la capitale degli Emirati Arabi Uniti. La vita qui è molto piacevole, si trova tutto. Vi sono diverse spiagge poco lontano ed è anche possibile fare una gita nel vicino deserto. Quando fuori fa molto caldo, ci si affretta per andare dalla casa alla macchina o dal bus all'ufficio. È simile alla Svizzera quando fa freddo ed è umido.

Le offerte culinarie rispecchiano il mix culturale qui presente. Per quello che ho potuto conoscere finora, la cucina del posto è influenzata dai piatti tipici del Medio Oriente con adattamenti locali. Raccomando per esempio il dolce Om Ali oppure Umm Ali ("la madre di Alì"). È un dessert originario dell'Egitto fatto di pasta sfoglia, latte, zucchero e more.

Ehepaar und zwei Kinder auf zwei Kamelen in der Wüste

La famiglia Buser durante un'escursione nel deserto tra Abu Dhabi e Al Ain, nel marzo 2017.

(zVg)

swissinfo.ch: Cosa è più interessante negli Emirati Arabi rispetto alla Svizzera?

S. B.: Per quanto mi riguarda, qui trovo migliori opportunità professionali. Ho l'impressione che negli Emirati Arabi sia spesso più facile venire a patti con le necessità dei lavoratori e dei residenti stranieri rispetto alla Svizzera. Molte cose sono semplici nel campo dell'e-government e della digitalizzazione: spesso basta inviare un documento scannerizzato via e-mail. I parcheggi e persino gli autobus possono essere pagati tramite un'app. 

swissinfo.ch: Cosa pensa della Svizzera dalla distanza?

S. B.: I valori svizzeri continuano a essere molto importanti per me. Ho cercato di conservarli all'estero per tutti questi anni. Ma mi sono anche reso conto che occorre avvicinarsi alla cultura del paese in cui si vive, altrimenti non ci si integra mai veramente.

Mi interesso agli avvenimenti di attualità in Svizzera. Mentre parlo delle relazioni della Svizzera con l'estero, a volte mi auguro che più cittadini svizzeri possano fare un'esperienza all'estero per così ottenere una prospettiva più ampia.

Mann mit Fahrrad auf Radweg vor Wolkenkratzern

In bicicletta per le ampie strade di Abu Dhabi.

(zVg)

swissinfo.ch: Si interessa alla politica del paese in cui vive?

S. B.: Chiaramente cerco di capire cosa succede. Ma non ci sono media locali in inglese da cui posso attingere informazioni. Nella vita quotidiana, non sono a diretto contatto con quanto accade nelle relazioni internazionali. Il governo si impegna tanto a favore del benessere della popolazione e intraprende molto per rendere il paese indipendente dal petrolio e dai guadagni a esso legati. 

swissinfo.ch: Partecipa alle elezioni e votazioni svizzere?

S. B.: Partecipo regolarmente alle elezioni e alle votazioni. Da diverso tempo usando il metodo E-Voting che è molto pratico e veloce. Forse presto sarà possibile farne uso anche in Svizzera, perché no?

In Brasile, all'inizio era a volte impossibile votare usando il voto per corrispondenza perché il materiale di voto ci metteva troppo per arrivare e non c'era più tempo a sufficienza per rispedirlo in Svizzera.

Mann in der Bordküche (Galley) eines Flugzeugs

Selfie in un velivolo A380 di Etihad Airways durante il Dubai Air Show nel novembre 2017.

(zVg)

swissinfo.ch: Cosa le manca di più della Svizzera?

S. B.: In primo luogo mi mancano amici e familiari. Poi sono molto felice quando posso recarmi in Svizzera per visitare diverse regioni. Forse in futuro riuscirò di nuovo ad andare a sciare e a slittare. Per quanto riguarda i generi alimentari, sorprendentemente qui troviamo molti prodotti che provengono dalla Svizzera e dall'Europa.

Siete svizzeri e vivete all’estero? Condividete le vostre immagini su Instagram con l’hashtag #WeAreSwissAbroadLink esterno.


swissinfo.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.