Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro algerino per gli Affari del Maghreb, dell'Unione africana e della Lega araba, Abdelkader Messahel, ha annunciato che Algeria e Tunisia sigleranno la settimana prossima un protocollo di intesa sulla cooperazione nel settore della sicurezza.

In occasione della 21ma riunione della Grande commissione mista, in programma il 9 marzo a Tunisi, l'accordo, "consoliderà il nostro processo di concertazione sul regolamento delle crisi che conosce la regione, soprattutto in Libia", ha detto Messahel in apertura della 19ma riunione del Comitato misto algerino-tunisino che si conclude oggi ad Algeri, con la partecipazione del ministro degli Esteri tunisino, Khemaies Jhinaoui.

L'accordo, ha proseguito il ministro algerino, "permetterà inoltre di raddoppiare i nostri sforzi per realizzare un riavvicinamento di tutte le varie parti libiche in maniera da garantire la riconciliazione nazionale attraverso un dialogo inter-libico, senza ingerenze nell'ambito di una soluzione politica fondata sul processo di regolamento patrocinato dalle Nazioni Unite".

Messahel ha affermato che l'azione comune ha già raggiunto nel campo della sicurezza "un alto livello per quanto riguarda la formazione e lo scambio di informazioni al fine di rafforzare le capacità di Algeria e Tunisia di far fronte alle minacce del terrorismo e del crimine organizzato".

L'accordo che verrà firmato a Tunisi infatti, sarà "la concretizzazione dell'importante grado di cooperazione militare e di sicurezza tra i due paesi" ha affermato il ministro degli Esteri tunisino, Khemaies Jhinaoui.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS