Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Appello delle ong Il Credit Suisse deve rinunciare al prestito non autorizzato al Mozambico

bambini

Bambini con i libri rovinati dal ciclone nel campo per i sopravvissuti di Dombe.

(Copyright 2019 The Associated Press. All Rights Reserved.)

Passato il ciclone che ha devastato il Mozambico, alcune organizzazioni assistenziali chiedono alla grande banca svizzera di rinunciare al recupero del prestito accordato al paese africano.

Un miliardo di franchi: è il debito che il Mozambico ha nei confronti del Credit Suisse. In una lettera indirizzata al CEO della banca Tidjane Thiam, le associazioni Helvetas, Keesa, Solidar Suisse e Terre des Hommes chiedono ora al Credit Suisse di rinunciare a questo denaro.

Martin Fischler di Helvetas giustifica la richiesta affermando che "questo debito è il risultato di prestiti illegali che non sono stati approvati né dal parlamento né dalla banca nazionale del Mozambico". I prestiti non sono stati annunciati neanche al Fondo monetario internazionale.

"È ingiusto che i contribuenti del Mozambico debbano restituire il prestito"

Martin Fischler, Helvetas

Fine della citazione

Non tocca al contribuente pagare

Contrariamente a quanto promesso,  una parte dei milioni versati in segreto non è stata investita nello sviluppo di una flotta per la pesca del tonno, ma è finita nelle tasche di privati.

"È ingiusto che i contribuenti del Mozambico debbano restituire il prestito", sostiene Martin Fischler.

Un miliardo di dollari rappresenta parecchio denaro in un paese dove il reddito medio pro-capite è di 400 dollari all'anno. Inoltre, il Mozambico ha un ulteriore debito di 10 miliardi di franchi e nelle regioni colpite dal ciclone le infrastrutture sono state quasi completamente distrutte.

Stesso avviso all'ONU

Le organizzazioni assistenziali non sono le uniche a fare questa richiesta. La settimana scorsa, le Nazioni Unite hanno preteso la stessa cosa. "I prestiti segreti non dovrebbero e non potrebbero essere rimborsati", ha affermato l'esperto dell'ONU Juan Bohoslavsky.

Un portavoce del Credit Suisse non ha voluto prendere una chiara posizione su questa richiesta di rinuncia del debito. Ha tuttavia sottolineato che la banca sta collaborando con le autorità competenti per rinegoziare il debito di questo paese insolvente.

Le organizzazioni assistenziali non si accontentano però di chiedere al Credit Suisse di cancellare il debito. La banca dovrebbe anche rimborsare gli interessi guadagnati con il prestito del miliardo di dollari. Secondo le ONG, si tratterebbe di un importo pari a 100 milioni, mentre l'istituto parla di 23 milioni.

Indipendentemente dall'importo, il Mozambico ha un bisogno urgente di ogni dollaro per la ricostruzione.


Traduzione dal tedesco di Luigi Jorio

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.