Julian Assange è stato arrestato dalla polizia britannica sia per la mancata comparizione dinanzi a un giudice del Regno nel 2012, sia sulla base di una "richiesta di estradizione degli Usa". Lo sostiene via Twitter una legale dell'attivista e giornalista australiano.

Secondo Wikileaks - l'organizzazione fondata dallo stesso Assange per diffondere documenti segreti scomodi - "l'Ecuador ha revocato illegalmente l'asilo politico concesso in precedenza a Julian Assange in violazione del diritto internazionale".

Dietro la caccia al giornalista australiano ci sono "la CIA e altri poteri". Assange - aggiunge in un tweet - "è un figlio, un padre, un fratello. Ha vinto decine di premi di giornalismo ed è stato nominato per il Nobel per la pace dal 2010. Ma attori potenti, inclusa la CIA, sono impegnati in un sforzo sofisticato per disumanizzarlo, delegittimarlo e imprigionarlo".

"Questo è un momento buio per la libertà di stampa", è il commento all'arresto a Londra di Julian Assange diffuso da Edward Snowden, ex analista dell'NSA americana e gola profonda del Datagate esiliato a Mosca. "Le immagini dell'ambasciatore dell'Ecuador che invita i servizi britannici nell'ambasciata per trascinare via un giornalista vincitore di premi fuori dall'edificio finiranno nei libri di storia. I critici di Assange possono esultare, ma questo è un momento buio per la libertà di stampa", ha scritto su Twitter.

Intanto il presidente dell'Ecuador, Lenin Moreno, ha annunciato che Julian Assange non sarà estradato in un Paese che applica la pena di morte.

Dal canto suo, l'ex presidente ecuadoriano Rafael Correa, che aveva concesso l'asilo politico a Julian Assange, ha accusato di "tradimento" il suo successore Lenin Moreno per aver consegnato il fondatore di WikiLeaks alla polizia britannica: "Così ha messo a rischio la vita di Assange e umiliato l'Ecuador", ha twittato Correa. "Moreno è un corrotto ma quello che ha fatto oggi è un crimine che l'umanità non dimenticherà mai", ha aggiunto.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Contenuto esterno

Vivere e lavorare in montagna grazie a Internet

Vivere e lavorare in montagna grazie a Internet

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.