Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Beni culturali Tutto quello che fanno gli svizzeri per le panchine

In Svizzera le panchine sono considerate dei beni culturali. Gli enti pubblici vogliono però risparmiare e sempre più spesso tocca ai privati occuparsi della costruzione e della manutenzione.

L’escursionismo è tra gli hobby più popolari in Svizzera. E cosa c’è di più bello di riposarsi su una panchina e ammirare il panorama dopo una faticosa gita in montagna? Già nel 1818 fu costruita una panchina pubblica presso le cascate di GiessbachLink esterno, sul lago di Brienz (Berna).

La panchina è però un’invenzione urbana per i ricchi. A metà Ottocento se ne costruirono diverse nei parchi pubblici. Le utilizzava soprattutto la borghesia, a cui non mancava il tempo per andare a passeggio.

Col tempo, le panche all’aperto sono diventate una tradizione elvetica e oggi sono considerate dei beni culturali. Nel quadro dell’anno del patrimonio culturale 2018 c’è persino una giornata dedicata alle panchineLink esterno.

Lo Stato risparmia, i privati donano

Per la manutenzione delle panchine pubbliche ci vogliono però i soldi. L’anno scorso, la città di Winterthur ha rimosso numerose panchine poiché l’ufficio competente doveva risparmiare. Tre anni fa, la città di Lucerna voleva fare la stessa cosa; sono però intervenuti imbianchini e falegnami della zona, che si sono messi a disposizione gratuitamente per prendersi cura di circa 1'300 panchine.

In tutta la Svizzera, numerose “associazioni di abbellimento” si stanno impegnando, su base volontaria, a installare nuove panchine. In alcuni luoghi, anche a Winterthur, il cittadino può diventare patrocinatore di una panchina. Come ringraziamento, sulla panca viene apposta una targhetta con il suo nome.

L’associazione per la promozione della cultura delle panchine (BankkulturLink esterno) si è spinta ancora più in là, elaborando una mappa onlineLink esterno delle panchine della Svizzera, con tanto di informazioni sull’accessibilità e la vista. Su questa piattaforma, i cittadini hanno la possibilità di condividere fotografie, storie e informazioni relative a una data panchina.

Sedersi in città

L’estate scorsa, nella città di Zurigo dei privati hanno lanciato l’iniziativa “HansbankLink esterno”. Per contrastare l’anonimato urbano, ai residenti è stato chiesto di animare una panchina davanti alla porta di casa - con musica, decorazioni o uno spuntino - affinché vicini e passanti potessero socializzare. Su una mappa si poteva vedere dove si trovavano queste panchine. E chi non aveva alcuna panchina fuori casa, aveva sempre la possibilità di costruirne una.

A Zurigo c’è stata soltanto un’estate durante la quale i cittadini non si sono lamentati per la mancanza di panchine: nel 2001, nel quadro del progetto artistico “BankArt”, sono state esposte nel centro città più di 1'000 panchine realizzate da artisti e falegnami. Queste sono però state messe all’asta al termine dell’evento.

Immagini: Keystone

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.