Dopo una mattinata in calo gli indici della Borsa svizzera si sono - in gran parte - mantenuti sopra la parità nel pomeriggio. L'SMI ha chiuso con un rialzo dello 0,14% a 10'670.74 punti, l'SPI dello 0,16% a 12'914,36 punti.

Gli investitori si sono mostrati prudenti in attesa della firma - prevista nelle prossime ore - del mini-accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina, di cui non si conoscono ancora i dettagli.

Tra le blue chip pesanti i bancari Credit Suisse (-1,87% a 13.415 franchi) e UBS (-1,02% a 12.63 franchi) sulla scia di prese di beneficio dopo la pubblicazione dei risultati di Bank of America e Goldman Sachs. Male anche gli assicurativi Zurich (-1,35% a 394.50 franchi), Swiss Life (-1,10% a 483.50 franchi) e Swiss Re (-0,83% a 107.80 franchi).

Hanno invece brillato Richemont (+2,25% a 78.16 franchi), che svelerà venerdì l'andamento degli affari nel terzo trimestre, e Alcon (+1,89% a 59.18 franchi. I pesi massimi difensivi Nestlé (+0,39% a 103.82 franchi), Novartis (+0,45% a 91.67 franchi) e Roche (+0,72% a 320.35 franchi) hanno sostenuto il listino.

Nel mercato allargato da segnalare che Swissquote è cresciuta del 9,88% a 55.05 franchi dopo aver annunciato un aumento dei ricavi e un utile ante imposte superiore alle proprie attese lo scorso anno.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.