Brasile: rinviati a giudizio Lula e il figlio Luis Claudio

 Tutte le notizie in breve

L'ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva è stato rinviato a giudizio assieme a suo figlio minore Luis Claudio, detto Lulinha, per traffico di influenze illecite, riciclaggio e associazione a delinquere.

Secondo l'accusa, il figlio dell'ex presidente avrebbe ricevuto tangenti da lobbisti che intendevano in questo modo garantire gli interessi delle proprie aziende presso il governo brasiliano.

L'accusa ritiene che Lula, tra il 2013 e il 2015, abbia promesso di intervenire presso il governo di Dilma Rousseff per favorire l'acquisto di 36 caccia Saab Gripen e per la concessione di incentivi fiscali alle case automobilistiche.

Lula è già stato rinviato a giudizio in altri tre procedimenti penali con l'accusa di corruzione e riciclaggio.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve