Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Cambio ai vertici


Giornalista italiano alla direzione artistica di Locarno


Di swissinfo.ch e agenzie


A pochi giorni dalle dimissioni a sorpresa di Olivier Père, il consiglio di amministrazione ha nominato Carlo Chatrian nuovo direttore artistico. Giornalista, autore e programmatore, questo 41enne di origine italiana ha già fatto parte del comitato di selezione del festival di Locarno e ha curato le retrospettive degli ultimi anni.

«Seguo Carlo Chatrian con occhio attento da molti anni», ha dichiarato il presidente del festival Marco Solari, a cui è spettato il compito di cercare un successore a Olivier Père che dopo tre anni di attività a Locarno è stato chiamato a dirigere Arte Francia Cinema.

«Ho sempre apprezzato la sua capacità lavorativa e la sua intelligenza. Carlo Chatrian conosce alla perfezione la nostra manifestazione ed ha il carisma e la preparazione necessaria per poter guidare il festival di Locarno. Sono certo che è la persona giusta per questo compito importantissimo».

Un volto noto a Locarno

Direttore della rivista Panoramiques, autore di saggi e monografie, Carlo Chatrian ha iniziato a collaborare con il festival di Locarno nel 2002. Per quattro anni ha fatto parte del comitato di selezione e ha curato le ultime retrospettive, tradizionale appuntamento con la storia del cinema. Sotto la sua guida hanno preso forma le sezioni dedicate a Nanni Moretti, al controverso Manga Impact, ai registi hollywoodiani Ernst Lubitsch, Vincente Minelli e non da ultimo Otto Preminger.

Dal 1° novembre Chatrian assumerà dunque le redini del festival di Locarno, la più importante rassegna cinematografica svizzera. «Poter dirigere questa manifestazione, così coraggiosa e puntuale nel presentare il cinema che verrà e farlo dialogare con quello che è stato, è al contempo un motivo di orgoglio e uno stimolo a portarne avanti la linea libera, aperta alle novità e attenta alle esigenze degli addetti ai lavori e ai gusti degli spettatori che di edizione in edizione tornano a Locarno con la speranza di essere – ancora una volta – sorpresi», ha dichiarato Carlo Chatrian in un comunicato.

Professore e critico cinematografico

Nato a Torino nel 1971, Chatrian si è laureato in Lettere e Filosofia e ha conseguito parallelamente una specializzazione in giornalismo e comunicazione. Fin dai primi anni Novanta collabora come critico cinematografico per le riviste Filmcritica, Duellanti, Cineforum.

Professore di didattica cinematografica, ha curato diverse rassegne e collaborato con istituti come il Cinéma du réel di Parigi e il Museo nazionale del cinema di Torino. Per sei anni è stato vicedirettore dell'Alba film festival ed è tuttora membro del comitato di selezione del Festival dei popoli di Firenze e di Visions du Réel.

Dal 2010 è consulente della Cineteca svizzera di Losanna e dal 2011 direttore della Fondazione Film Commission Vallé d'Aoste.

I direttori di Locarno

1946-1958: Riccardo Bolla

1960-1965: Vinicio Beretta

1966: Sandro Bianconi

1967-1970: Sandro Bianconi, Freddy Buache

1971: Comissione di direzione di sette ticinesi

1972-1977: Moritz de Hadeln

1978-1981: Jean-Pierre Brossard

1982-1991: David Streiff

1992-2000: Marco Müller

2000-2005: Irene Bignardi

2005-2009: Frédéric Maire

2009-2012: Olivier Père

Dal novembre 2012: Carlo Chatrian



Link

×