Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Caso Gurlitt: Kunstmuseum Berna eredita le opere (foto d'archivio)

Keystone/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Le opere d'arte del collezionista tedesco Cornelius Gurlitt possono ufficialmente essere ereditate dal Kunstmuseum di Berna, come previsto dal testamento.

Il competente tribunale di Monaco di Baviera (Oberlandesgericht) ha infatti respinto un ricorso della cugina di Gurlitt, che metteva in dubbio le sue condizioni mentali al momento della firma del documento.

Nel testamento il collezionista tedesco, morto il 6 maggio 2014 all'età di 81 anni, designava quale unico erede il Kunstmuseum di Berna. Ora la Corte di Monaco ha stabilito che al momento della firma era in grado in intendere e di volere.

La collezione d'arte era stata sequestrata per la maggior parte il 28 febbraio 2012 in un vecchio appartamento di Monaco di Baviera su ordine della Procura di Augusta (Augsburg). Il sospetto è che le opere siano state sottratte illegalmente ai legittimi proprietari durante l'epoca del nazionalsocialismo.

La notizia era stata rivelata tuttavia soltanto il 3 novembre 2013 dal settimanale tedesco "Focus" ed era poi stata ripresa con clamore dalla stampa internazionale, che aveva riferito di oltre 1500 opere ritrovate - tra cui quadri di Picasso, Renoir e Monet - e subito parlato di "tesoro di Hitler". La collezione era stata infatti creata da Hildebrand Gurlitt, padre di Cornelius e mercante d'arte vicino al regime nazista.

Una task force tedesca è riuscita, nel corso di due anni di lavoro, a chiarire la provenienza di soltanto 11 delle 499 opere che si sospettavano rubate dai nazisti e in soli cinque casi ha potuto provare che si trattava effettivamente di quadri trafugati dai nazionalsocialisti.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS