L'età minima per guardare un film o acquistare un videogioco va uniformata a livello nazionale. È quanto prevede una nuova legge in materia inviata oggi in consultazione dal Consiglio federale fino al 24 giugno.

Lo scopo è di meglio proteggere i minorenni dai contenuti mediali inadeguati. Attualmente non esistono norme federali in materia. La competenza di legiferare spetta pertanto ai Cantoni. Per quel che concerne i film - proiezioni cinematografiche, acquisto di DVD e Blu-ray - esiste una Commissione svizzera del film e della tutela dei giovani che formula raccomandazioni in merito all'età minima. Se praticamente tutti i Cantoni vi hanno aderito (solo Ticino e Zurigo non lo hanno fatto), soltanto i due Basilea, Neuchâtel, Vaud e Vallese hanno disposizioni legali in materia.

Nei videogiochi si è assistito a una autoregolamentazione a livello europeo tramite il sistema PEGI. Esso indica l'età a partire dalla quale un videogame è adeguato. Attualmente oltre il 90% dei giochi è venduto con l'etichetta PEGI. Tuttavia, anche qui sono solo i due Basilea, Neuchâtel, Vaud e Vallese ad aver emanato disposizioni legali. Insomma, le regolamentazioni in materia di protezione dei minori per film e videogiochi sono in Svizzera molto frammentarie e eterogenee. Presentano anche diverse lacune e carenze a livello normativo nonché problemi sul piano esecutivo, sottolinea il governo. Da qui la necessità di agire a livello federale. L'obiettivo, afferma il governo, è "proteggere i minorenni da rappresentazioni di cruda violenza o di natura sessuale e da altri contenuti inadeguati, che potrebbero nuocere al loro sviluppo".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Contenuto esterno

Sondaggio

Elezioni federali 2019

Elezioni federali 2019

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.