Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Chi vuol essere milionario?


Giovani svizzeri: il denaro non può comprare la felicità


Di Andrea Ornelas


In Svizzera vivono circa 1,1 milioni di giovani tra i 16 e i 25 anni. (Keystone)

In Svizzera vivono circa 1,1 milioni di giovani tra i 16 e i 25 anni.


(Keystone)

Hanno tra 16 e 25 anni di età e lavorano come tecnici, venditori, medici, operai, politici o artisti. Hanno fiducia nel futuro, ma non mancano di realismo. Cosa sognano i giovani svizzeri? Si attendono una vita migliore di quella dei loro genitori? 

La giornata è radiosa a Berna. È mezzogiorno e il parco della “Grosse Schanze”, in centro città, è affollato di giovani che fanno il picnic su un’erba tagliata con precisione matematica. Le chiacchiere e le risate si fondono in un solo grande mormorio. Nei dintorni, le terrazze dei ristoranti fanno il pieno di clienti, ma sono ancora inaccessibili per molti giovani. 

"Quando si è giovani, il denaro è come un pesce vivo che scivola tra le mani”, scherza Gerber, un apprendista orologiaio nel secondo anno di formazione, nato 18 anni fa a Basilea. "Vorrei uscire dalla casa dei miei genitori, perché il mio rapporto con loro non è molto buono. Ma il mio salario è ancora troppo basso. Ho bisogno di altri 1’000 franchi al mese per poter essere indipendente ", aggiunge. 

Secondo i suoi calcoli, 1’800 franchi al mese basterebbero per vivere con la sua compagna e degli amici. Sapendo che dovrà aspettare ancora un paio d’anni per guadagnare questa somma, Gerber sta valutando un’altra opzione, più estrema: “Se mi indebitassi, potrei forse andarmene più in fretta". 

Con i piedi per terra 

In Svizzera, secondo i dati dell'Ufficio federale di statistica, nel 2013 vi erano 1,1 milioni di persone tra i 16 ei 25 anni. Quasi 7 su 10 sono pienamente fiduciosi del loro futuro, ha rivelato il Barometro della gioventù 2013, realizzato dall’istituto di ricerche gfs.bern e pubblicato dal Credit Suisse. Lo studio traccia una radiografia degli obbiettivi e dei valori dei giovani in quattro paesi: Svizzera, Stati Uniti, Brasile e Singapore.

A livello economico, le nuove generazioni sull’altra sponda dell'Atlantico coltivano ancora il "sogno americano". Vogliono essere gli Steve Jobs del XXI° secolo e sono disposti a sacrifici per raggiungere questo obbiettivo. In Svizzera, i giovani sono più misurati; l'equilibrio tra la vita e il lavoro è una priorità per 8 su 10 di loro. 

"La nostra società offre un alto grado di sicurezza e fornisce un ambiente in cui gli svizzeri possono perseguire i loro sogni individuali, garantendo nel contempo il loro benessere economico. Sanno che, se studiano, ci riusciranno senza problemi. Non hanno bisogno di guadagnare milioni di franchi per vivere bene e, quindi, non perseguono obiettivi irraggiungibili. Questo è positivo, ma implica che ci sono meno imprenditori in Svizzera che in altri paesi ", spiega Lukas Golder, ricercatore presso il gfs.bern. 

L'istruzione in Svizzera 

L'istruzione obbligatoria comprende sei anni di scuola primaria e tre di di secondaria. Mira a fornire agli studenti una conoscenza generale di lingue, matematica, storia o geografia. 

Il 90% dei giovani seguono in seguito una formazione professionale, generalmente tramite un apprendistato, o accademica. 

L’apprendistato, che combina formazione professionale presso un’azienda e corsi scolastici, viene scelto da sette giovani su dieci. Gli altri optano per l’esame di maturità che apre l’accesso alle scuole universitarie. 

Corinne, studentessa di medicina di 24 anni, nata a Losanna, che vuole diventare chirurga, ritiene che "i giovani svizzeri tendono ad essere pragmatici, vogliono guadagnare soldi ed essere indipendenti. Alcuni optano per lunghi studi, altri per apprendistati più brevi. Ma tutti sono consci dell'importanza della formazione. Personalmente non conosco molti giovani che scelgono attività artistiche. Forse non vi sono molti sognatori ... almeno nel mio ambiente". 

A detta di Lukas Golder, l'ottimismo della nuova generazione elvetica va attribuito in parte al sistema di formazione duale che "permette a molti giovani di 17 o 18 anni di portare a termine il loro apprendistato e di raggiungere già a vent'anni una posizione di lavoro relativamente confortevole". La fiducia è legata anche al fatto che "l'ultima crisi economica mondiale ha colpito soprattutto le banche e alcune aziende svizzere, ma non ha toccato molto i giovani". 

Una visione solo in parte condivisa da Francesca Poglia Mileti, docente presso l'Università di Friburgo, che sta conducendo una ricerca sul rapporto tra i giovani e il denaro in Svizzera. "Non si può certo dire che la Svizzera stia affrontando una grave crisi economica. Però, soprattutto per i giovani con poca formazione, ora è più difficile entrare nel mercato del lavoro rispetto ad alcuni anni fa”. 

Sbarcare il lunario 

Indipendentemente dalla formazione seguita, la maggior parte dei giovani svizzeri imparano molto presto il valore del denaro e come va gestito. 

"Molti giovani ricevono ogni mese dai genitori una paghetta, che devono gestire loro stessi. Molti ci pensano quindi due volte prima di spendere inutilmente il loro denaro e imparano a risparmiare. Penso che questo sia un buon sistema per educare i giovani a gestire i soldi", dice Stefan, uno zurighese di 25 anni. Lavora per un istituto di ricerca, ma la sua passione è la politica. È membro attivo della Sessione dei giovani, una piattaforma d’incontro dei giovani interessati alla politica. 

Debiti e risparmi

Secondo il Barometro della gioventù, solo il 4% dei giovani svizzeri sono indebitati. Negli Stati Uniti e in Brasile, la cifra è sei volte superiore. 

"Culturalmente, gli svizzeri sono abituati a risparmiare. Le famiglie si adattano al budget di cui dispongono. I genitori si assumono a volte dei debiti per finanziare l'educazione dei loro figli”, indica Lukas Golder, ricercatore presso il gfs.bern. 

Quattro dei cinque ragazzi intervistati da swissinfo.ch sono contrari ai debiti, soprattutto se servono a finanziare un’automobile o apparecchi tecnologici. 

A detta di Francesca Poglia, i giovani di origine straniera accumulano più spesso dei debiti, dovuti in parte al fatto che dispongono di un minor grado di istruzione e di salari più bassi. 

Durante il primo anno di tirocinio, la maggior parte dei giovani (generalmente tra i 16 e i 17 anni) ricevono un salario mensile compreso tra 500 e 800 franchi. Generalmente questi soldi bastano solo a coprire i premi delle casse malati e altre spese in casa. Gerber considera che i suoi genitori spremono il magro salario che riceve. Ma la maggior parte dei giovani intervistati da swissinfo.ch sostengono questa pratica. 

"È giusto che i bambini e i giovani vengano responsabilizzati. Dobbiamo imparare che qualcuno ha guadagnato il denaro che spendiamo. Tutto costa, la casa, il cibo. Durante l’apprendistato non si dà ai genitori tutto quanto si guadagna, ma almeno una parte", afferma con convinzione Lisa, nata 20 anni fa a Berna. Lavora a tempo parziale per una catena di fast food e segue dei corsi per adulti, al fine di conseguire la maturità. Non ha ancora scelto una professione, ma è autosufficiente. Divide il suo appartamento con due altri giovani e sa che per sbarcare il lunario deve evitare spese inutili. 

"Mi pare corretto che i genitori siano severi e che i figli partecipino a coprire le spese dell’economia domestica”, concorda Olivia. Questa bernese di 20 anni, che vive presso i genitori, si assume le spese del telefono cellulare e dei trasporti pubblici e partecipa in parte a quelle della famiglia. Lavora per le Ferrovie federali svizzere e vuole ottenere il diploma di maturità per studiare "lingue, gestione o marketing" in una scuola superiore. 

Olivia crede che ogni giovane che vuole diventare indipendente deve essere "organizzato e non deve abituarsi a fare shopping". I giovani credono che la loro vita sarà migliore rispetto a quella dei loro genitori? Gli intervistati sono convinti di avere tutti gli strumenti per riuscirvi. 

E, se no, c'è sempre una soluzione. "Devi solo regolare le spese. Chi guadagna 6’000 franchi al mese può concedersi meno vacanze o altri lussi rispetto a coloro che dispongono di 8'000 franchi mensili. Ma non si perde nulla di veramente essenziale. In questa vita, il denaro è lontano dalla felicità", dice Stefan. 


Traduzione di Armando Mombelli, swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×