Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Consumi voluttuari al tempo del coronavirus Il confinamento diventa una trappola per la dipendenza?

bocca e naso di una donna dai quali esce fumo.

Benché il coronavirus sia particolarmente pericoloso per i fumatori, nell'emergenza di Covid-19 tendenzialmente aumenta il consumo di sigarette.

(© Keystone / Melanie Duchene)

Fumate più sigarette? Vi concedete regolarmente un bicchiere o più? Vi siete lanciati nei giochi d'azzardo online? Il passaggio dai generi voluttuari alle sostanze che creano dipendenza in periodo di crisi – come quella attuale del coronavirus – è più rapido che in tempi normali.

"L'isolamento, la noia o le paure hanno il potenziale per incoraggiare il consumo di sostanze che creano dipendenza", dice Markus Meury, portavoce di Dipendenze SvizzeraLink esterno, un centro di competenza per la prevenzione, la ricerca e la trasmissione di conoscenze nel campo delle dipendenze. Non sono ancora disponibili dati concreti provenienti da sondaggi o cifre di vendite, ma sulla base dell'esperienza e di indizi, Dipendenze Svizzera presuppone che il problema si stia attualmente aggravando.

dossier

Coronavirus in Svizzera

La Svizzera avanza nel dopo lockdown imposto per contrastare l'epidemia di Covid-19. Come convive con il coronavirus?

Anche i familiari soffrono

Meury cita tre esempi anonimizzati della hotline di consulenza:

Una donna racconta al telefono che ora beve regolarmente alcolici la sera, soprattutto per calmarsi e poter dormire. Vuole sapere se questo è già problematico.

"Sì, purtroppo c'è il rischio di scivolare nella dipendenza. All'inizio funziona, ma poi sono necessarie quantità sempre maggiori per produrre lo stesso effetto", spiega l'esperto di dipendenze.

In questi casi, è bene sapere che c'è tutta una serie di altre tecniche di rilassamento che aiutano a calmarsi o a dormire, dice Markus Meury.

Durante la conversazione telefonica, la consulente di Dipendenze Svizzera ha scoperto che la donna che cercava consiglio suona uno strumento. Suonare è un mezzo molto adatto per distrarsi e calmarsi.

Non sono solo i diretti interessati a farsi avanti, ma molto spesso anche i familiari di persone che soffrono di dipendenze.

Le dipendenze ai tempi del confinamento - il servizio del TG della RSI:

(1)

la dipendenza ai tempi del covid

Meury cita l'esempio di una donna il cui partner aveva già un problema di alcolismo prima del confinamento. Ma ora che entrambi lavorano in casa, il problema è diventato insopportabile per la donna. Poiché potrebbe correre rischi, la consulente le trasmette l'indirizzo di un rifugio per donne, in modo da garantire dapprima la sua protezione.

Il terzo esempio è quello di una coppia di genitori, che essendo sempre a casa con il figlio si rende conto di quanta cannabis lui consumi.

In casi come questo, Dipendenze Svizzera raccomanda di negoziare con i giovani regole chiare, adeguate alla loro età e da rispettare rigorosamente.

Pubblicità per casinò online

In Svizzera i casinò in questo periodo hanno nettamente intensificato le pubblicità per i giochi online.

(Keystone / Obs/grand Casino Luzern Ag/(c) G)

Particolarmente allettanti in questo periodo appaiono i giochi di soldi: per alcuni come svago, per altri che sono in difficoltà finanziarie a causa della crisi del coronavirus per la speranza di ottenere rapidamente il denaro necessario.

Poiché i numerosi casinò in Svizzera sono attualmente chiusi, essi pubblicizzano le loro offerte online in modo ancora più intenso. "Assicuratevi il vostro bonus di benvenuto. Riceverete un bonus del 100% fino a 300 franchi e 200 free spins per il nostro gioco "Golden Rabbit", reclamizza per esempio il Gran Casinò di LucernaLink esterno.

Alcuni casinò pubblicizzano addirittura persone che, per comportamenti di gioco compulsivi, sarebbero escluse dalle case da gioco, dice Markus Meury. A suo avviso, è molto problematico il fatto che il gioco d'azzardo online sia anonimo, che ci sia poco controllo sociale e che sia quasi impossibile controllare quanti soldi i giocatori spendono. "Si può giocare in continuazione, 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana".

Gettito fiscale dai giochi d'azzardo

"Il gioco sleale dei casinò svizzeri", ha titolato il domenicale zurighese NZZ am SonntagLink esterno. Quando è stata votata la nuova Legge federale sui giochi in denaro, nella votazione popolare del 2018, agli elettori è stato promesso che "gli squali dei giochi d'azzardo stranieri illegali sarebbero stati esclusi dal mercato svizzero". Oggi, tuttavia, diventa evidente che gli operatori di casinò nazionali si sono alleati con dubbie compagnie straniere nel gioco d'azzardo online.

La Svizzera si trova in un dilemma sulla questione dei giochi in denaro sin dagli anni '90, quando nel Paese sono state autorizzate numerose case da gioco. Da un lato, lo Stato vuole proteggere i giocatori d'azzardo in pericolo. D'altro lato, incassa molti soldi sotto forma di tasse elevate sui profitti dei casinò.

Fine della finestrella

Il confinamento comporta nuovi pericoli di dipendenza, ha constatato Dipendenze Svizzera che ha quindi lanciato il nuovo portaleLink esterno d'informazione (in tedesco e francese) "Dipendenze & crisi del coronavirus". Lì mette a disposizione tre "kit di sopravvivenza" con informazioni su sostanze e comportamenti con potenziale di dipendenza.

Fumatori particolarmente a rischio

Poiché da una parte molti cittadini si sentono maggiormente sotto pressione a causa del lavoro a domicilio e d'altra parte tante persone si annoiano a causa della mancanza delle attività abituali, Thomas Beutler dell'Associazione svizzera per la prevenzione del tabagismoLink esterno, sospetta che molti fumatori tendano ad accendersi più sigarette del solito.

Questo nonostante il fatto che il coronavirus sia particolarmente pericoloso per i fumatori. Il fumo indebolisce il sistema immunitario e aumenta il rischio di gravi malattie respiratorie, rammenta lo specialista. Poiché l'apporto di ossigeno è più scarso nei fumatori, l'enzima ACE2 si accumula maggiormente sulle cellule polmonari. Questo enzima ha dimostrato di essere un ricettore per il nuovo coronavirus, spiega Beutler.

Per quanto riguarda il consumo di alcolici, gli europei sono i leader. Nel confronto europeo, la Svizzera è al centro classifica.

La Confederazione è invece in posizione peggiore in termini di consumo di tabacco. "La Svizzera ha la politica economica più liberale di tutti i Paesi europei in questo senso", afferma Markus Meury. Molti buoni programmi di prevenzione in questo Paese sono annientati dalla politica incoerente del governo federale in materia di dipendenze, critica il portavoce di Dipendenze Svizzera.

"La pubblicità onnipresente, oggi sempre più anche su Internet e sui social media, è in parte responsabile del clima che circonda le sostanze che creano dipendenza. La pubblicità rafforza per esempio l'idea che non è praticamente possibile una festa senza molto alcol".

Misure di prevenzione strutturali, come l'aumento dei prezzi, il divieto assoluto di pubblicità o le restrizioni all'accessibilità, soprattutto per il tabacco, ma anche per l'alcol, hanno un forte impatto, soprattutto tra gli adolescenti e i giovani adulti, afferma. "Gran Bretagna, Australia e Scandinavia hanno ottenuto un grande successo con queste misure", aggiunge Meury.

Vie d'uscita?

Per taluni in questo contesto di crisi pandemica è diventato più difficile controllare i consumi voluttuari e l'uso di sostanze che creano dipendenza, ma per altri questa situazione particolare può costituire il momento opportuno per liberarsi di un vizio di lunga data. Non deve essere necessariamente una tortura, bensì può avere un effetto positivo sul proprio benessere. I primi benefici dello smettere di fumare si percepiscono già dopo dodici oreLink esterno.

Con l'applicazione mobile Stop-TabaccoLink esterno dell'Associazione svizzera per la prevenzione del tabagismo si può disporre gratuitamente di un coach virtuale personale per farsi aiutare a smettere.

A seconda della sostanza e della dipendenza, smettere nella situazione attuale non è però molto facile. Il portavoce di Dipendenze Svizzera, Markus Meury, raccomanda un sostegno professionale, soprattutto per l'alcol e il tabacco, dove spesso la dipendenza è molto forte.

Tuttavia, non è ancora chiaro se dal 27 aprile, secondo la decisione del governo federale, tale consulenza sarà nuovamente possibile tramite un colloquio personale diretto.

Fine della finestrella


(Traduzione dal tedesco: Sonia Fenazzi)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Contenuto esterno

Vivere e lavorare in montagna grazie a Internet

Vivere e lavorare in montagna grazie a Internet

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.