Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Conversioni religiose ONG cristiane poco gradite in India?

protesting Christians

Centinaia di cristiani protestano a Delhi nel 2014, quando una chiesa fu incendiata subito dopo la vittoria alle elezioni del partito BJP. 

(Keystone)

Le organizzazioni caritative che godono del supporto di finanziatori stranieri, svizzeri inclusi, sono confrontate con sempre maggiori difficoltà in India a causa di diversi ostacoli amministrativi. Le interessate denunciano un'applicazione selettiva delle regole e ritengono che all'origine di ciò vi sia la crescita del fondamentalismo induista.

"È un peccato osservare come in questo periodo il fondamentalismo stia crescendo nel paese e il nostro stesso governo stia appoggiando il programma 'Hindutva' (nazionalismo induista)", ha dichiarato il vescovo indiano Robert Miranda nel suo discorso a Friburgo lo scorso ottobre. 

Era stato invitato nella città elvetica da Missio Switzerland, ramo svizzero delle Pontificie Opere Missionarie, che sono sotto giurisdizione papale. Miranda guida una diocesi di circa 8'000 cattolici nella piccola città di Gulbarga, nello Stato indiano meridionale del Karnataka. Nel 1982, quando fu inviato nella regione, c'erano solo tre famiglie cattoliche e alcune metodiste. La comunità crebbe velocemente quando i dalit, appartenenti al gruppo più basso del sistema di caste induista, cominciarono a interessarsi al cristianesimo e si convertirono al cattolicesimo. 

Sebbene questo non abbia creato nessun problema a Gulbarga, le conversioni sono state oggetto di attenti scrutini da quando il partito Bhartiya Janata (BJP), che difende un leggero nazionalismo induista, è salito al potere nel 2014.  Sei Stati indiani (Arunachal Pradesh, Odisha, Madhya Pradesh, Chhattisgarh, Gujarat e Himachal Pradesh) hanno recentemente emesso delle leggi anti-conversione per regolare il fenomeno. Il loro scopo è punire chi si converte o chi tenta di convertire altre persone con mezzi "fraudolenti", "forzati" o tramite "allettamento" e "incitazione", termini vaghi e aperti all'interpretazione. Le pene sono più severe per chi appartiene alle tribù o alle caste più basse.

Il vescovo Miranda non ha voluto commentare la situazione sul terreno, ma ha lanciato un appello alla coesistenza pacifica: "Tutte le parti dovrebbero evitare le politiche basate sulla religione e sostenere la natura laica della Costituzione indiana", ha detto a swissinfo.ch. 

Miranda giving a speech in Fribourg

Miranda ha passato due settimane in Svizzera come ospite di Missio, periodo durante il quale ha parlato a più riprese del dialogo inter-religioso.

(Missio )

Martin Brunner, direttore di Missio Switzerland Link esterno– che sostiene scuole per bambini con disabilità o quelli appartenenti alle caste più basse, nonché alcuni orfanotrofi a Gulbarga – è stato più esplicito. La sua organizzazione devolve ogni anno circa 100'000 franchi per dei progetti in India. 

"C'è una buona cooperazione tra lo Stato di Karnataka e la Chiesa. Tuttavia, ho sentito dall'Arcivescovo di Bangalore che il clima sta cambiando e il futuro si prospetta difficile", ha detto. 

Ostacoli amministrativi

Secondo alcuni, questa atmosfera di diffidenza riguardo alle conversioni ha avuto un'influenza sulle opere di beneficenza. Compassion International, un'organizzazione non governativa che collabora con le chiese per migliorare le vite dei bambini svantaggiati, ha deciso di ritirarsi dall'India dopo essersi trovata confrontata con difficili requisiti amministrativi.

I problemi sono cominciati all'inizio del 2016, quando il BJP al governo ha introdotto nuove procedure, imponendo ai partner indiani di Compassion di registrarsi nuovamente per ottenere il permesso di prendersi cura dei bambini. Alcuni dei requisiti erano poco comprensibili, come l'installazione di porte taglia-fuoco in edifici in legno. Queste regole hanno fatto sì che diversi progetti non sono riusciti a ottenere la registrazione.

"Concretamente, sono state delle ragioni esclusivamente amministrative a impedirci di proseguire con il nostro lavoro. Ma perché, ad esempio, dovremmo installare una porta ignifuga in un edificio di bambù o di legno in un'area tribale?", ha detto Christian Willi, CEO di Compassion Svizzera. 
 
Il denaro inviato da dodici sezioni di Compassion, inclusa quella svizzera, è stato bloccato dalle autorità. La somma a sette cifre che ogni mese finanziava 589 progetti di Compassion affiliati alle chiese (e da cui dipendono in tutto circa 147'000 bambini indiani) non è potuta giungere a destinazione. 
Compassion Svizzera ha interrotto l'aiuto fino ad allora fornito a più di 300 bambini in India. 

"I donatori in Svizzera erano arrabbiati e tristi. Molti ci hanno chiesto perché non potevano più scrivere al bambino o alla bambina che avevano aiutato per 10 anni", ha detto Willi. 

Children benefiting from a Compassion project in India writing to their sponsors

Bambini beneficiari di un progetto di Compassion in India scrivono ai donatori. 

(Compassion International )

Il governo, dal canto suo, nega ogni tipo di accanimento burocratico contro i cristiani. 

"L'India ha introdotto misure di trasparenza per le organizzazioni di beneficenza e chiunque deve lavorare seguendo queste direttive. Il trattamento è equo: le regole sono uguali per tutti, non valgono solo per dei gruppi particolari", ha dichiarato a swissinfo.ch Syed Shahnawaz Hussain, portavoce nazionale del BJP.

Conversioni controverse

C'è una relazione tra le conversioni religiose e il modo in cui Compassion è stata trattata dalle autorità? Willi non nega che alcuni bambini iscritti nei centri dell'organizzazione siano diventati cristiani. 

"Ci sono stati bambini convertitisi al cristianesimo di spontanea volontà, così come ci sono induisti e musulmani che hanno ricevuto il supporto di Compassion per anni ma hanno mantenuto la loro fede", ha detto. 

Convertirsi non è illegale e la libertà di religione è un diritto fondamentale riconosciuto dalla Costituzione indiana. Tuttavia, molti credono che i convertiti abbiano cambiato credo in cambio di denaro o altri benefici materiali. 

"Se i fondi arrivano per beneficenza allora sono ben accetti, ma se servono alla promozione di una conversione religiosa allora non lo sono. Non è giusto comprare la fede degli indiani con il denaro", ha spiegato Hussain. 

Secondo Willi, non sono solo le conversioni che preoccupano l'attuale governo, ma anche l'impatto che un'influenza internazionale potrebbe avere sulla stabilità del paese. Diverse ONG, come Greenpeace, si sono ritrovate confrontate con ostacoli amministrativi. 

Tuttavia, alcuni ritengono che l'accanimento contro organizzazioni cristiane e chiese si riduca essenzialmente all'intolleranza religiosa. Secondo Open Doors, un'organizzazione che documenta la persecuzione contro i cristiani nel mondo, l'India è l'undicesima nazione più pericolosa per i cristianiLink esterno. Nella classifica stilata nel 2018 il paese è entrato per la prima volta nella categoria "persecuzione estrema". La tendenza non è incoraggiante per i 27,8 milioni di cristiani che vivono in India, il 2,3% della popolazione totale. 

(1)

Grafico

"Essere indiano è essere induista. Questa è la posizione del BJP. Quindi sì: il BJP e il movimento RSS (Rashtriya Swayamsevak Sangh) sono responsabili di tutto ciò. Sarebbe bene se il primo ministro Narendra Modi lavorasse alla creazione di un paese più moderato, che mostri tolleranza e rispetti le minoranze", ha detto un portavoce di Open Doors che collabora a stretto contatto con partner indiani. 

Il BJP nega che i membri delle minoranze siano trattati come cittadini di seconda categoria. "Il nostro governo sta perseguendo una politica di impegno collettivo e crescita inclusiva. Le minoranze hanno più libertà oggi di quante ne abbiano mai avute in passato", ha dichiarato Hussain.

Le organizzazioni cristiane non sono ottimiste sul fatto che il premier cambi strategia dopo la vittoria alle elezioni nel 2014, ottenuta con un'agenda pro-induista. E questo nonostante di tanto in tanto abbia offerto rassicurazioni.

"Il mio governo farà in modo che ci sia una completa libertà di religione e che tutti abbiano l'innegabile diritto di avere o adottare la fede scelta senza coercizioni o influenze inappropriate", aveva detto nel 2015 durante un evento a Nuova Delhi organizzato per celebrare la beatificazione di due indiani da parte di Papa Francesco.

Tuttavia, queste parole furono pronunciate appena dopo la sonora sconfitta subita dal BJP durante le elezioni dell'assemblea locale a Delhi, dove il partito ottenne solo 3 dei 70 seggi. Per i cinici, quanto detto è stato un mero tentativo di prevenire un'ulteriore perdita dei voti da parte della comunità cristiana dopo una serie di attacchi contro le chiese di Delhi. 

Può il governo del BJP riuscire a guadagnarsi la fiducia delle organizzazioni cristiane internazionali? "Noi lo speriamo, ma fintanto che il BJP sarà al potere e riterrà che la sicurezza e lo sviluppo del paese dipendano dall'identità religiosa, non pensiamo che la situazione possa migliorare in modo significativo", ha dichiarato Willi. 

swissinfo.ch ha contattato diverse organizzazioni cristiane basate in Svizzera per interpellarle sul loro punto di vista, ma la maggior parte non ha voluto rilasciare dichiarazioni per paura di conseguenze sui progetti in India.

swissinfo.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.