Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Dalla politica al business UBS negli USA recluta il suo ex controllore

Jeb Hensarling, ex deputato repubblicano alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, che ha presieduto il Comitato per i Servizi finanziari, diventa il numero due di UBS Americas.

Jeb Hensarling

Con l'assunzione di Jeb Hensarling, UBS Americas mette a segno un bel colpo: oltre a conoscenze approfondite del settore bancario, l'ex deputato repubblicano ha preziosi contatti nel mondo politico statunitense.

(Copyright 2017 The Associated Press. All Rights Reserved.)

È ciò che si dice passare dall'altro lato della barricata: Jeb Hensarling, ex legislatore statunitense che ha presieduto per sei anni il Comitato per i Servizi finanziari della Camera dei rappresentanti, si appresta ora a entrare a far parte della direzione di UBS Americas. Il texano è stato nominato vicepresidente esecutivo della filiale statunitense del colosso bancario svizzero, ha annunciato la settimana scorsa l'istituto.

Per UBS, si tratta di un bel colpo. Jeb Hensarling, che ha lasciato il seggio di rappresentante del Texas all'inizio del 2019, non solo conosce perfettamente tutti gli ingranaggi della macchina di controllo federale, ma ha anche preziosi contatti. Durante gli anni al Congresso, Hensarling ha in particolare annodato forti legami con Mike Pence, attuale vicepresidente di Donald Trump. "Con una lunga carriera sia in politica che negli affari, Jeb sarà un grande valore aggiunto per noi", ha dichiarato Tom Naratil, presidente di UBS Americas.

Questa transizione da controllore delle banche a banchiere non è del tutto sorprendente: repubblicano favorevole al libero mercato, Jeb Hensarling si era già fatto conoscere a Washington come fervente difensore di Wall Street. In particolare, ha diretto l'attacco contro il Dodd-Frank ActLink esterno, una vasta legge bancaria adottato all'indomani della crisi dei subprime. Nel maggio 2018, Hensarling è riuscito ad ottenere un allentamentoLink esterno di cui hanno beneficiato diverse banche, tra cui Credit Suisse e UBS.

Di che suscitare qualche critica quando è stata annunciata la nomina di Hensarling ai vertici di UBS Americas. "La formalizzazione di un accordo di lunga data", ha scritto su Twitter il giornalista investigativo Jesse Eisinger, alludendo alle numerose misure in favore delle banche promosse da Jeb Hensarling durante gli anni a Washington.

Tweet

Tweet

​​​​​​​

Alcuni osservatori hanno sottolineato che il texano aveva ricevuto importanti donazioni politiche da UBS quando era un membro del congresso: circa 70'000 dollari in totale, secondo le cifre ufficialiLink esterno compilate dall'organizzazione civica Center for Responsive Politics.

Benché l'assunzione di Hensarling susciti controversie, non è la prima volta che la filiale americana di UBS assume un influente ex politico: nel 2002, Phil Gramm, un parlamentare che aveva presieduto per otto anni il Comitato bancario del Senato, era entrato nella direzione di UBS Americas. Gramm aveva in seguito fatto notizia negli Stati Uniti, poiché alcune persone lo hanno accusato di aver difeso al Senato misure che hanno facilitato frodi compiute da UBS.

Ironia della sorte, è di nuovo a una banca in difficoltà giudiziarie che si è ora unito Jeb Hensarling: UBS è attualmente nel mirino del Dipartimento di giustizia statunitense, che la accusa di aver ingannato alcuni investitori sui prodotti venduti poco prima della crisi finanziaria del 2008.


(Traduzione dal francese: Sonia Fenazzi)

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.