Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Discorso per il 1° agosto Il presidente della Confederazione ringrazia gli svizzeri all'estero

Nell'allocuzione rivolta ai cittadini elvetici all'estero in occasione della Festa nazionale svizzera del 1° agosto, il presidente della Confederazione Ueli Maurer sottolinea i valori che accomunano gli svizzeri e che costituiscono il "biglietto da visita" del Paese.

È nella tradizione che nell'ambito delle celebrazioni della festa della patria il o la presidente di turno della Confederazione pronunci anche un discorso per la Quinta Svizzera, registrato prima del giorno stesso.

Oggi oltre 760mila svizzeri risiedono all'estero, ciò che corrisponde all'11% della popolazione elvetica. Gli espatriati mantengono i diritti fondamentali di ogni cittadino svizzero, in particolare quello di voto.

Ueli Maurer ha colto l'occasione per sottolineare l'importanza degli svizzeri all'estero quali rappresentanti della Svizzera e dei suoi valori, in particolare "puntualità, affidabilità, modestia e diligenza". Li ringrazia quindi "per rappresentare così bene la Svizzera" nel mondo.

Il discorso di Ueli Maurer è stato pubblicato già dieci giorni prima della festività. Ciò ha suscitato reazioni ironiche su social network e media. Ma a quanto pare non si è trattato di un errore. È infatti tradizione che il presidente della Confederazione pronunci in anticipo l'allocuzione rivolta alla "Quinta Svizzera".

Fine della finestrella

swissinfo.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.