Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

La nuova immigrazione europea in Svizzera

La Svizzera è uno dei paesi al mondo con la più alta proporzione di stranieri: erano oltre due milioni a fine 2015, ossia il 25% circa della popolazione.  Ma chi sono questi uomini e donne, spesso al centro del dibattito politico? Otto su dieci provengono da un paese europeo; la metà da Italia, Germania, Portogallo e Francia.

In questo dossier, swissinfo.ch vi racconta le loro storie, contestualizzandole con una serie di grafici interattivi e di analisi.

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La nuova immigrazione europea in Svizzera – un dossier di swissinfo.ch

I giovani migranti si raccontano

Mostrare di più

Il profilo dei nuovi arrivati

Mostrare di più

La politica degli stranieri

Mostrare di più

Ulteriore contenuto sull’argomento

Il contenuto seguente elenca ulteriori informazioni sull’argomento

dossier Due paesi legati a doppio filo

Negli ultimi anni, le relazioni italo-svizzere sono state contraddistinte soprattutto dalla vertenza fiscale. Questa controversia ha fatto passare ...

Serie migrazione (parte 4) I diversi volti dell’immigrazione in Europa

L’immigrazione è al centro dei dibattiti politici in Europa e molti paesi rimettono in discussione la libera circolazione delle persone.

Lavoro stagionale Perché la Svizzera paga indennità di disoccupazione in Portogallo

Molti lavoratori stagionali in Svizzera possono chiedere l'indennità di disoccupazione nei loro paesi d'origine durante le pause invernali.

"I fabbricasvizzeri" Un successo al botteghino che resiste da 40 anni

"I fabbricasvizzeri" è uno dei film svizzeri di maggior successo di tutti i tempi. Il regista e scrittore Rolf Lyssy spiega perché questa satira ...

Svizzera - Unione Europea Così vicini, così lontani

La Svizzera convive, commercia e scambia con l'Europa. Eppure non ne vuole sapere di far parte del club dei Ventotto. E l'accettazione ...