Mondo arabo in subbuglio

La rivolta tunisina dell’inverno 2010-2011 ha segnato l’inizio della fine di diverse dittature, dal Nordafrica al Medio Oriente. La primavera araba si è però presto trasformata in un inverno islamista, in una restaurazione dei vecchi apparati di Stato, come in Egitto, o in guerra civile.

Metamorfosi geopolitica
L'esecuzione del religioso sciita Nimr al-Nimr da parte delle autorità saudita ha dato fuoco alle polveri in Iran, scatenando proteste. 
Manifestanti palestinesi durante gli scontri con le forze dell'ordine israeliane nella città di Betlemme, in Cisgiordania.
I bombardamenti dell'aviazione saudita in Yemen sono stati condannati dalle ong.
Mostrare di più
Egitto

Migrazioni

Fuga dall'Egitto

La situazione in Egitto continua a essere tesa. A subirne le conseguenze è anche il settore turistico, oramai in piena crisi. Daniela Suter e suo ...

Mostrare di più
Siria
Secondo il ministero russo della difesa, quasi 6‘000 civili, inclusi 2‘200 bambini, hanno lasciato i distretti orientali di Aleppo nelle ultime 24 ore.
Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha ricordato che il suo paese accoglie già tre milioni di rifugiati, di cui 2,7 milioni di siriani. Dal canto suo, il segretario generale dell'ONU ha salutato il ruolo della Turchia, "all'avanguardia nell'azione umanitaria". 
L'hiver rend les conditions de vie dans les camps de déplacés internes encore plus dures, comme ici à Jerjnaz, au sud-ouest d'Alep.
Mostrare di più
Tunisia
Giunto in Svizzera per una visita di Stato di due giorni, il presidente tunisino Béji Caid Essebsi è stato accolto con gli onori militari dal suo omologo della Confederazione Johann Schneider-Ammann.
Beaucoup de Tunisiens sont déçus de la révolution. 
Il Monte Chambi, dove si nascondono i jihadisti, si trova solo a 17 km dal centro città di Kasserine. 
Mostrare di più
Libia
Mostrare di più
Fondi in fuga
Mostrare di più