Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Banche svizzere


BSI sotto inchiesta penale, ordinato scioglimento


La BSI ha provocato uno shock nel mondo bancario svizzero: l'Autorità di sorveglianza dei mercati finanziari (FINMA) ha deciso che la storica banca ticinese dovrà essere sciolta, a causa di affari poco trasparenti legati al fondo sovrano malese 1MDB (1Malaysia Development Berhad).

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha aperto un procedimento penale contro l'istituto. La banca centrale di Singapore ha inoltre ordinato la cessazione delle attività di BSI nel Paese asiatico.

La banca è in particolare accusata di controlli carenti riguardo al riciclaggio di denaro. "Un'eccessiva fame di rischio e irragionevolezza hanno portato alla fine di una banca", ha dichiarato il direttore della FINMA Mark Branson in una teleconferenza, specificando che la BSI era già stata avvisata dalle autorità nell'autunno del 2013, per iscritto, del rischio di riciclaggio e corruzione.

Nonostante il chiaro avvertimento, i quadri dirigenti hanno deciso di continuare gli affari più dubbi, ha detto Branson. "Noi, così come i nostri colleghi di Singapore, siamo arrivati alla conclusione che la banca doveva essere sciolta", ha dichiarato ancora Branson.

La BSI potrà essere acquisita, come previsto, dalla EFG International, a condizione che venga integrata completamente e poi sciolta entro dodici mesi. L'istituto verrà integrato in una realtà con funzioni di controllo efficaci. Nessuno dei quadri dirigenti della BSI sotto accusa potrà entrare in una posizione chiave nella EFG International.


swissinfo.ch e tvsvizzera.it

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×