Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Ferrovia transalpina


Italia e Germania più vicine grazie al San Gottardo




Con la galleria del San Gottardo, la città di Amburgo sarà un po' più vicina all'Italia. (Reuters)

Con la galleria del San Gottardo, la città di Amburgo sarà un po' più vicina all'Italia.

(Reuters)

Il San Gottardo è uno dei collegamenti transalpini più importanti tra il nord e il sud dell’Europa. Con la nuova galleria di base, il viaggio in treno tra le principali città tedesche e italiane sarà più rapido. Di quanto esattamente?

Tre ore in vent’anni: è la riduzione del tempo di percorrenza del viaggio in treno attraverso l’Europa lungo la linea del San Gottardo. Con l’entrata in funzione della nuova galleria di base il prossimo 11 dicembre, e la modernizzazione dell’intera rete ferroviaria e dei treni, per andare da Amburgo a Roma ci vorranno 14 ore e 31 minuti. Nel 1996 erano invece necessarie 17 ore e 32 minuti.

Cliccando sulle città potete scoprire di quanto si ridurrà il collegamento tra i principali centri urbani in Germania e in Italia.

La linea del San Gottardo, che assieme a quella del Lötschberg costituisce la Nuova ferrovia transalpina (NFTA) della Svizzera, non è l’unico collegamento internazionale attraverso le Alpi. Gli altri assi sono: la ferrovia del Brennero tra Italia e Austria (dove si sta costruendo una nuova galleria); la linea Torino-Lione (anche qui si sta scavando un nuovo traforo); il corridoio Baltico-Adriatico, che collega la Polonia all’Italia.

Oltre alla riduzione dei tempi di percorrenza del traffico passeggeri, l’obiettivo della NFTA è il trasferimento delle merci dalla strada alla ferrovia. Il successo dell’opera non dipende soltanto dai lavori effettuati in Svizzera, ma pure dall’ampliamento delle linee di accesso al San Gottardo in Italia e in Germania. Un fronte sul quale i due paesi sono però in ritardo.

swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×