Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Finanze federali


Il governo vuole risparmiare 1 miliardo di franchi all’anno


In seguito alle ripercussioni economiche del franco forte sulle casse statali, il Consiglio federale ha adottato un programma di stabilizzazione delle finanze federali per il periodo 2017-2019 che contempla minori uscite comprese tra 800 milioni e un miliardo di franchi all'anno. 

Il programma si è reso necessario a causa dei "buchi" nel bilancio statale provocato dal forte apprezzamento del franco dopo l'abbandono della soglia minima del cambio con l'euro da parte della Banca nazionale svizzera, ha dichiarato il ministro delle finanze Ueli Maurer. Il governo ha dovuto correggere notevolmente al ribasso le previsioni relative alla crescita economica e al rincaro, ma ciò ancora non basta: nel prossimo futuro intende varare altri programmi di risparmio per rispettare il freno alle spese. 

Dal 2018, ha sottolineato Maurer, incomberanno sull'attuazione del progetto deficit strutturali fino a 1,5 miliardi. Ciò è dovuto, da un lato, alle uscite crescenti nel settore dell'asilo e, dall'altro, a decisioni del Parlamento con incidenza sui costi (riforma della previdenza per la vecchiaia 2020, esercito, Fondo per le strade nazionali e il traffico d'agglomerato, Riforma III dell'imposizione delle imprese). 

Il programma di risparmi prevede 24 misure, tra cui spiccano i mancati adeguamenti salariali per i dipendenti della Confederazione, ma anche minori uscite nella cooperazione internazionale (586,9 milioni) e nella formazione e ricerca (485,2 milioni). Altri settori chiamati alla cassa, anche se per importi minori, sono l'agricoltura (255,5 milioni), l'infrastruttura ferroviaria (231,1 milioni), l'assicurazione invalidità (123 milioni) e le riduzioni individuali dei premi (150,5 milioni). Sarà invece risparmiato l’esercito, dopo la decisione del Parlamento di stabilire un limite di spesa di 20 miliardi (invece di 18,6 come chiesto dal Consiglio federale) su quattro anni.

swissinfo.ch e tvsvizzera.it (Telegiornale del 25.05.2016)

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×