Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Logistica del futuro


Una metro sotterranea per trasportare le merci attraverso la Svizzera


Una rete di collegamenti sotterranei per il trasporto di merci su veicoli automatizzati che dovrebbe estendersi dal lago di Ginevra a quello di Costanza. È il progetto "Cargo sous terrain" presentato da un'associazione di privati con il sostegno della Confederazione.

I veicoli automatizzati e senza conducente si muoveranno per induzione elettromagnetica lungo un tunnel di 6 metri di diametro e scavato a una profondità di 50 metri. La merce potrà circolare 24 ore su 24 ad una velocità di 30 km/h, senza dover tener conto del divieto di trasporto notturno.

Per distribuirla saranno realizzati dei centri logistici nelle vicinanze delle città, indicano i promotori del progetto “Cargo sous terrain” (CST), che hanno presentato martedì a Zurigo uno studio di fattibilità per un primo collegamento di 70 chilometri fra la regione di Härkingen, nel canton Soletta, e Niederbipp (Berna).

La tratta, da portare a termine entro il 2030, verrebbe a costare 3,55 miliardi di franchi - finanziati di investitori privati - e secondo lo studio è «tecnicamente realizzabile e potrà essere gestita in modo redditizio».

Il progetto è sostenuto da aziende come FFA Cargo, Swisscom, La Posta, Rhenus Logistics e dall'associazione che riunisce i principali commercianti al dettaglio. Col tempo si prevede di estendere il nuovo sistema di trasporto lungo tutto l'asse est-ovest, con collegamenti a rete verso Basilea, Lucerna e Thun.

Secondo Daniel Wiener, presidente della società di consulenza ecos, il progetto è destinato a «rivoluzionare la logistica in Svizzera». Inoltre, il CST creerà nuove capacità e permetterà di far fronte ad un traffico che entro il 2030 è destinato ad aumentare del 50%.

I promotori del progetto, riuniti dal 2013 in associazione, sono ora alla ricerca di investitori. Daniel Wiener ha precisato che la ministra dei trasporti Doris Leuthard intende sottoporre entro l'estate al governo svizzero un progetto di legge per la realizzazione di CST.

swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG del 26.1.2016)

×