Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Plurilinguismo


Del buon uso delle lingue nella Berna federale


Di Fathi Derder, consigliere nazionale


 Altre lingue: 3  Lingue: 3

Di Fathi Derder

L’aula del parlamento svizzero ha una soglia di tolleranza al francese. Mezz’ora senza tedesco è troppo, scrive il consigliere nazionale Fathi Derder in un corsivo pubblicato dal giornale Le Temps.

«Lo dirò in tedesco, sennò non sarei capito». Così ha parlato un ministro romando, giovedì in Consiglio nazionale. E ha ragione. Se a Palazzo federale si vuole essere capiti da tutti, bisogna parlare tedesco. Contrariamente a un’idea preconcetta, a Berna i romandi non sono gli ultimi della classe nelle lingue. Molti parlamentari svizzeri tedeschi non capiscono una parola di francese. In particolare alla mia destra. All’epoca in cui dibattevo con Mörgeli, i suoi colleghi bilingue rispondevano al suo posto: non capiva nulla e non era l’unico.

Giovedì scorso [2 giugno, ndr] un ministro romando ha quindi parlato tedesco. E per magia nella sala vi è stato un minuto di silenzio. Quando un romando parla tedesco, sorprende. Poi, il ministro ha ripreso il suo discorso in francese. E gli eletti svizzero tedeschi hanno ripreso la loro vita normale. Sì, perché al di là dell’effetto sorpresa, parlare francese in Consiglio nazionale genera dei decibel nell’assemblea. Prima dieci decibel di inattenzione. Poi, col passare dei minuti, aggiungete altri dieci decibel di impazienza. E altri dieci di irritazione. Berna ha una soglia di tolleranza al francese. Mezz’ora senza tedesco, è troppo. Soprattutto alla mia destra. «Qualcuno può farlo tacere?», ha detto un collega. Un altro ha preso la parola dalla tribuna, dopo trenta minuti passati in apnea, salutando il «breve intervento alla Fidel Castro» del nostro ministro. Humour zurighese.

Bisogna dire che Köppel è un grande comico. Poiché è di lui che si tratta. Il proprietario della Weltwoche [settimanale svizzero tedesco] si è preso cura di mostrare come si interviene degnamente in parlamento. Prima di tutto ha criticato il messaggio «di 422 pagine» del Consiglio federale. Una cifra ripetuta tre volte, per sottolineare a dovere che i testi del governo sono troppo lunghi. Come i discorsi dei ministri, soprattutto quando sono in francese. Poi ha denunciato le menzogne di Stato, la sua fissa. Prima di citare la Verità, riportata dalla Bibbia, il suo giornale, la Weltwoche. Oltre alla sottile tautologia che consiste nel dimostrare che si ha ragione citando se stesso, si potrà notare l’eleganza dell’eletto che approfitta del parlamento federale per fare della pubblicità. Servirsi delle istituzioni che si esecrano tutto l’anno nel proprio giornale per vendere proprio questo giornale. Forte. Poco divertente, Köppel, ma maledettamente efficace.

L'opinione di Fathi Derder è stata pubblicata dal quotidiano Le Temps.



Traduzione di Daniele Mariani

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×