Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Elezioni federali


Il nuovo Consiglio nazionale, più femminile e più vecchio




 Altre lingue: 4  Lingue: 4

L’età media dei deputati eletti domenica è aumentata rispetto a quattro anni fa. Inoltre, la nuova camera bassa non aveva mai contato così tante donne. La proporzione femminile varia però fortemente da un partito all’altro. 

I 200 consiglieri nazionali hanno in media 50,3 anni. Quattro anni fa, invece, l'età media era di 49,3. La classe d'età più numerosa tra i membri della Camera del popolo è quella compresa tra 50 e 59 anni (20 donne e 56 uomini), un dato simile a quello del 2011. Crescono invece gli over 60: 40 contro i 28 di quattro anni fa. Per contro, la delegazione di deputati fra i 20 e i 29 anni si è dimezzata, passando da 8 nel 2011 a 4 quest’anno, stando a un calcolo effettuato dall’Agenzia telegrafica svizzera.

Il consigliere nazionale più vecchio, con 73 anni, è l’argoviese Maximilian Reimann (Unione democratica di centro). La più giovane è la neo eletta ginevrina Lisa Mazzone (Verdi), che ha 27 anni.

Le donne sono 64, pari al 32% dei seggi. Le differenze sono però forti tra un partito e l’altro. I socialisti hanno la proporzione di donne più alta (25 deputate, pari al 58%). All’estremo opposto il Partito borghese democratico, che annovera una sola donna nella sua deputazione di sette parlamentari (pari a una proporzione del 14%), e l’Unione democratica di centro (11 donne su 65 seggi, 17%).

La rappresentanza femminile non è mai stata così elevata da quando alle donne è stato riconosciuto il diritto di voto e di eleggibilità nel 1971. Leggermente maggioritarie nella popolazione, le donne rimangono comunque sotto-rappresentate in parlamento. 

Per quanto concerne la composizione partitica del nuovo Consiglio nazionale, ricordiamo che ad uscire vincitrice dalle elezioni di domenica è stata soprattutto l'Unione democratica di centro. Il partito della destra conservatrice ha conquistato 11 seggi supplementari. A rafforzarsi pure il Partito liberale radicale, con tre seggi in più. 

swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×