Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Esportazioni col fiato corto


Esercizio 2015 difficile per l’orologeria svizzera




La statistica fornisce una media che non deve però far dimenticare che la realtà non è la stessa da una marca all'altra, ha indicato martedì Jean-Daniel Pasche, presidente della Federazione dell'industria orologiera svizzera. (Keystone)

La statistica fornisce una media che non deve però far dimenticare che la realtà non è la stessa da una marca all'altra, ha indicato martedì Jean-Daniel Pasche, presidente della Federazione dell'industria orologiera svizzera.

(Keystone)

Dopo anni di crescita esponenziale, l’orologeria svizzera ha registrato una regressione che non si era più vista dalla crisi economica del 2009. Le esportazioni sono diminuite del 3,3% nel 2015, a conferma del clima sfavorevole che regna nel settore. 

Conflitto ucraino, caduta del rublo, situazione esplosiva in Medio Oriente, campagna contro la corruzione e diminuzione della crescita in Cina, arrivo sul mercato degli orologi connessi o ancora apprezzamento del franco svizzero: sono molti i fattori messi in avanti per spiegare le difficoltà con cui è confrontato da qualche mese il settore orologiero svizzero. 

Le cifre pubblicate martedì dalla Federazione dell’industria orologiera svizzera (FH) non rappresentano quindi una sorpresa. Le esportazioni orologiere hanno subito una contrazione del 3,3% rispetto al 2014, attestandosi a 21,52 miliardi di franchi. A parte il brutale calo del 2009, in piena crisi economica mondiale, è la prima volta dall’inizio degli anni 2000 che l’orologeria svizzera registra una simile diminuzione.

Una regressione che va però relativizzata: il 2015 rappresenta pur sempre il terzo migliore anno della storia (dopo il 2014 e il 2013) in termine di valore di esportazione per il settore orologiero, sottolinea la FH.

Nel dettaglio, dalle statistiche emerge che le difficoltà sono state maggiori sui mercati asiatici. Il primo di essi – Hong Kong – registra una diminuzione del 22,9%. Le esportazioni verso i paesi europei hanno dal canto loro fatto segnare una progressione.


Traduzione di Daniele Mariani, swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×