Tutte le notizie in breve

Due milioni di visitatori al padiglione svizzero, 700 mila all'esposizione voluta dai cantoni "gottardisti", ossia Grigioni, Uri, Ticino e Vallese. E' un primo bilancio positivo di Expo 2015 tracciato oggi a Milano proprio dai rappresentanti dei quattro Cantoni.

Queste quattro regioni si sono dimostrate "convincenti" alla rassegna milanese, con le loro offerte turistiche, culinarie e culturali, senza dimenticare le loro economie innovative e aperte.

A questo primo sommario bilancio, presso il padiglione elvetico - in occasione della giornata dei Cantoni Partner del San Gottardo - erano presenti i consiglieri di Stato Jon Domenic Parolini (GR), Urban Camenzind (UR), Paolo Beltraminelli (TI) e Jaques Melly (VS). Una constatazione unanime: "ne è valsa la pena".

Con un monolito di granito lungo sei metri e largo tre il massiccio del San Gottardo ha voluto essere il messaggio per un uso sostenibile di questo vitale elemento, in una regione impregnata di natura, quanto mai adatta a vivere e lavorare. "Con il monolito siamo stati un'attrazione per tutta l'Expo", ha affermato Parolini, mentre Beltraminelli ha rammentato le difficoltà per il governo ticinese, che ha sempre sostenuto la partecipazione alla rassegna, nel far fronte alla decisione popolare del 28 settembre 2014, quando la partecipazione del Cantone fu bocciata. "Credo però - ha detto - che come spesso accade nella vita, da una difficoltà sia stato possibile trarre lezioni positive".

Da parte sua l'urano Camenzind ha rilevato che si è trattato di "un buon risultato", ottenuto proprio grazie alla collaborazione tra i quattro Cantoni. "Abbiamo colto l'occasione per presentare a un vasto pubblico le nostre qualità". E della stessa opinione si è detto il vallesano Melly.

A Milano c'era anche Luigi Pedrazzini, ex consigliere di Stato e coordinatore del gruppo di lavoro, che ha ringraziato tutti coloro che hanno contribuito al successo del progetto San Gottardo. Lo stesso ha fatto il portavoce del Padiglione elvetico, Andrea Arcidiacono.

Domenica al padiglione svizzero si è tenuto un simposio che ha visto la partecipazione dell'ex consigliere federale federale Adolf Ogi, simposio organizzato pure dai cantoni gottardisti. Ogi ha vantato le Nuove trasversali ferroviarie alpine e ricordato l'apertura, il prossimo anno, della galleria di base del San Gottardo.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve