Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Festa nazionale svizzera Perché la nascita della Confederazione viene celebrata proprio il 1° agosto?

bandiera svizzera e quattro persone sulla cima di una collina

Bandiera svizzera al di sopra di Fischenthal, nel canton Zurigo.

(© KEYSTONE / CHRISTIAN MERZ)

Il giorno ufficiale della fondazione della Svizzera poteva anche essere il 12 settembre 1848 o l'8 novembre 1307. Soltanto dopo la riscoperta del Patto federale ci si è accordati sul 1° agosto 1291. È però soltanto dal 1994 che quello della Festa nazionale svizzera è un giorno festivo.

Il 1° agosto è celebrato soltanto dal 1891 e questo dopo una decisione davvero inaspettata. Ad affermarlo è un giornale dell'epoca, per il quale la data di questa nuova celebrazione è stata scelta in un modo un po' strano e doveva "essere imposta artificiosamente al popolo svizzero".

Dal profilo storico, sarebbe anche stato evidente festeggiare il 12 settembre, giorno della costituzione della Svizzera democratica nel 1848.

Nostalgia delle vecchie storie

La Svizzera ha però due storie: quella di un moderno Stato federale e quella della Confederazione, fondata - così almeno vuole la leggenda - da un gruppo di cospiratori sul praticello del Rütli, nella tenebrosa Svizzera primitiva, dopo un giuramento prestato levando tre dita della mano destra.

Il fatto che si festeggi la seconda, ha detto una volta lo scrittore Peter Bichsel, è dovuta al fatto che "l'esibizione di forza dei nostri antenati", con le loro battaglie, ci impressiona molto di più dei risultati politici dell'effettiva fondazione dello Stato.

Tuttavia, fino al XIX secolo, il giuramento sul Rütli è stato fatto risalire all'8 novembre 1307, sulla base di una cronaca del Medioevo. Questa data è stata messa in dubbio soltanto con la riscoperta del Patto federaleLink esterno, che testimonia l'alleanza dei cantoni della Svizzera primitivaLink esterno di Uri, Svitto e Untervaldo, sancita per l'appunto all'inizio di agosto del 1291.

Nel 1891, il giornale 'Züricher Post' ha criticato la decisione di celebrare la Festa nazionale il 1° agosto anche perché essa "non è un fiore naturale, non è una rosa delle Alpi, bensì una pianta d'appartamento spuntata nei locali degli studiosi e dei funzionari" che profuma troppo di archivio. La borghesia svizzera voleva però identificarsi con questa pergamena giuridicamente vincolante invece che con la selvaggia levata di mani di alcuni cospiratori nell'oscuro mese di novembre.

I festeggiamenti della città di Berna

Ma era già così prima del 1891. Quindi perché si è improvvisamente giunti all'idea di celebrare per la prima volta il giorno della pluricentenaria fondazione della Svizzera proprio nel 1891?

In una lettera al Consiglio federale, il comitato che aveva chiesto l'introduzione della celebrazione scrive che delle condizioni sfavorevoli l'avevano purtroppo sempre impedito. Nel 1691, per i festeggiamenti del 400°, era scoppiata una carestia, mentre nel 1791 non si sarebbe potuto festeggiare in modo adeguato a causa delle sanguinarie sommosse successive alla Rivoluzione francese.

Soltanto la celebrazione del 600° si è svolta sotto una buona stella. I promotori bernesi del 1° agosto avevano però celato le loro reali motivazioni. La ragione principale dell'urgenza della celebrazione era l'imminente giubileo della città di Berna, fondata nel 1191, che doveva quindi essere ampiamente festeggiata nel 1891.

Gli organizzatori bernesi hanno così avanzato l'idea di associare la celebrazione della città e la concomitante Festa federale di canto alla Festa nazionale.

Fonti

Georg Kreis, 'Der Mythos von 1291', Basilea, 1991

Thomas Maissen, 'Schweizer Heldengeschichten – und was dahintersteckt', Baden 2015

Fine della finestrella

Da Berna alla Svizzera primitiva

Questo era il piano, ma non se ne è fatto nulla. Quando si è diffusa nel Paese, l'idea della celebrazione federale è stata immediatamente criticata: non si poteva festeggiare la nascita della Svizzera in una città qualsiasi, sebbene questa fosse la capitale.

Ma soprattutto, la celebrazione doveva avvenire nella Svizzera primitiva, la "culla della Svizzera". Dopo alcune dispute tra Uri, Svitto e Nidvaldo è stato deciso che il centro dei festeggiamenti doveva essere Svitto. La fondazione della Confederazione svizzera è così stata celebrata per la prima volta nel 1891 nel villaggio di Brunnen.

All'epoca non si pensava di ripetere la celebrazione annualmente. Solo nel 1899 il Consiglio federale ha invitato i cantoni a far suonare le loro campane il 1° agosto. La pressione degli svizzeri all'eserto ha avuto una certa rilevanza poiché desideravano avere un giorno di festa nazionale, analogamente ai francesi (14 luglio) o agli americani (4 luglio).

Si è però dovuto attendere il 1994 per far sì che il 1° agosto diventasse un giorno festivo in tutta la Svizzera.


Traduzione dal tedesco di Luigi Jorio, swissinfo.ch

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.