Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Giornata internazionale del rifugiato


65,3 milioni di profughi nel mondo, “mai così tanti” secondo l’UNHCR




Il numero di persone in fuga da guerre, persecuzioni e violenze nel mondo ha segnato un nuovo record: a fine 2015 erano 65,3 milioni, il doppio rispetto a cinque anni fa. È quanto rivela l’ultimo rapporto dell’UNHCR, pubblicato in occasione della giornata internazionale del rifugiato.

Vittime di ripetuti attacchi da parte dello Stato Islamico, ma non solo, i membri della comunità Yazidi sono fuggiti a migliaia dall'Iraq per cercare rifugio in Turchia.  (Reuters)

Vittime di ripetuti attacchi da parte dello Stato Islamico, ma non solo, i membri della comunità Yazidi sono fuggiti a migliaia dall'Iraq per cercare rifugio in Turchia. 

(Reuters)

Oggi una persona su 113 è un richiedente l’asilo, uno sfollato interno o un rifugiato: una situazione che rappresenta “un livello di rischio senza precedenti”, scrive l’UNHCR nel suo rapporto “Tendenze globali” (in inglese). A fine 2015, i rifugiati nel mondo erano almeno 21,3 milioni, di cui oltre la metà (51%) minorenni. Gli sfollati erano invece 40,8 milioni e i richiedenti l’asilo 3,2 milioni.

Stando all’UNHCR, inoltre, lo scorso anno più di 98mila minorenni non accompagnati – soprattutto afghani, eritrei e siriani – hanno lasciato il loro paese in cerca di rifugio.

Tra i principali paesi d’origine dei profughi spiccano la Siria, con 4,9 milioni di esuli, seguita dall’Afghanistan (2,7 milioni) e dalla Somalia (1,1 milioni). La Turchia è invece il paese ad aver accolto più rifugiati in termini assoluti (2,5 milioni), mentre rispetto alla popolazione, è il Libano a giungere in testa (183 rifugiati ogni mille abitanti).

Contattate l’autrice via Twitter: @stesummi



swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×