Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

I lavoratori stagionali del 2019 Le braccia che rendono possibili le vostre vacanze sulla neve

Il 75% del personale impiegato in ristoranti e alberghi della stazione sciistica vallesana di Nendaz è costituito da lavoratori stagionali. 

(swissinfo.ch)

L'esistenza di una stazione sciistica dipende tanto dalla neve quanto dai lavoratori stagionali. Senza questa manodopera importata, ristoranti e alberghi rimarrebbero chiusi. Anche nelle scuole di sci accanto ai nativi della regione lavorano stranieri. Alcuni vengono per l'atmosfera, altri per il denaro. Reportage nella località vallesana di Nendaz.

Liliana Lopes e Luis Santana non sciano. Tuttavia, la coppia vive nel cuore di un'area sciistica con circa 400 chilometri di piste. Nel tardo pomeriggio, quando l'ultima cabinovia scende alla stazione di Nendaz, i due giovani portoghesi iniziano a pulire al ristorante Tracouet, in cima agli impianti di risalita. Dopo tre o quattro ore di lavoro, i locali sono di nuovo pronti ad accogliere la folla di turisti che arriverà la mattina seguente.

A 2200 metri di altitudine è tornata la calma. Liliana Lopes, Luis Santana e due lavoratori stagionali italiani ora sono soli. Lontano dall'effervescenza notturna della stazione sciistica, dopo un pasto nella cucina dei dipendenti, la coppia fa ritorno nella propria stanzetta situata al piano inferiore del ristorante, che non ci è possibile visitare. "Abbiamo Internet, che ci permette di guardare la televisione portoghese la sera", spiegano.

Il portoghese Luis Santana, 29 anni, prepara in cucina il famoso "piatto vallesano".

(swissinfo.ch)

L'indomani, la giornata inizia in cucina alle 8. Per tutta la stagione invernale, i giorni si susseguono e s'assomigliano. La coppia approfitta dei congedi per visitare i parenti che si sono stabiliti nel canton Vaud. Tuttavia, occorre tornare nel tardo pomeriggio, prima della chiusura degli impianti di risalita.

"È una vita difficile, ma ci permette di risparmiare molto denaro", dice la coppia. Al netto delle spese di vitto e alloggio, possono contare su un reddito di circa 3000 franchi al mese. "Ognuno di noi deve pagare 200 franchi di assicurazione sanitaria al mese. Per il resto, qui spendiamo pochi soldi", nota Luis Santana.

Alla fine di aprile, la coppia non vede l'ora di tornare in Portogallo, dove entrambi lavorano in un hotel a cinque stelle. "Lì, il carico di lavoro è maggiore e guadagniamo tre volte meno", dice Liliana Lopes. Ciononostante, se avessero un lavoro permanente in Portogallo, preferirebbero stare con le loro famiglie piuttosto che passare l'inverno in Svizzera. 

I circa trenta dipendenti del ristorante Tracouet sono lavoratori stagionali. Il gestore Damien Barberon si circonda sempre della stessa squadra. Anche lui è arrivato in Vallese per lavorare come ristoratore stagionale. Innamoratosi del posto, il francese non se n'è più andato. "Non ho l'accento, ma lo spirito vallesano", dice. Due piccole bandierine svizzere ornano persino il collo della sua camicia.

----

Gli olandesi sciano

Le prime cabinovie della mattina scaricano decine di maestri di sci, vestiti di rosso. Tutti sono impiegati a stagione, e mentre la maggior parte sono svizzeri, alcuni provengono da altre parti. Hak Walenkamp, 49 anni, è olandese e da 10 anni ritorna a Nendaz ogni inverno. Niente di presagibile che questo anziano ex proprietario di un'agenzia immobiliare sia venuto da un paese pianeggiante a insegnare a sciare.

Dopo un divorzio e la crisi finanziaria del 2007 che ha pesato sulla sua attività, si è riorientato professionalmente e ha iniziato a lavorare in estate su una spiaggia olandese. "Dovevo ancora trovare un lavoro per l'inverno, e siccome sapevo fare qualche curva sugli sci, ho cercato un posto nella stazione sciistica", racconta.

Nel corso degli anni, l'olandese è diventato "la leggenda di Nendaz". "Sono stato soprannominato così perché rientravo a casa alle cinque del mattino e alle nove ero già sulle piste col sorriso sul volto ", precisa. Sulla sua maglietta c'è scritto: «I’m a living legend» (Sono una leggenda vivente). Quindi il cliché dei lavoratori stagionali che amano divertirsi non è privo di fondamento?

Se Hak Walenkamp viene a Nendaz è soprattutto per passione: "Ho il più bell'ufficio del mondo". Tuttavia, per guadagnarsi da vivere si affida di più all'estate. I maestri di sci, pagati all'ora, devono saper ben gestire le ondate di clienti per sfruttare al meglio il gioco finanziariamente. "In gennaio, vanno previste circa tre settimane di vuoto", constata lo stagionale olandese.

A Nendaz, i lavoratori riescono generalmente a trovare un alloggio a prezzi accessibili e non sono relegati in appartamenti lontani dal centro, come in altre località turistiche. Tuttavia, per ridurre i costi, molte persone scelgono la coabitazione.

È il caso di Ludovic Delerue, skiman in un negozio di articoli sportivi e istruttore di snowboard. Con il suo gruppo di amici, affitta gli stessi tre chalet ogni anno. "Questo ci permette di negoziare i prezzi e di apportare delle modifiche", spiega il francese di Lille, che trascorre il suo sesto inverno nella stazione sciistica. Una soluzione che permette anche di creare un rapporto di fiducia con i proprietari, in quanto alcune agenzie immobiliari esigono delle garanzie. "Il primo anno, ho avuto difficoltà a trovare un appartamento. Le agenzie spesso chiedono di pagare tutti gli affitti, oltre alla caparra", dice Ludovic Delerue.

Dopo aver trascorso qualche estate in riva all'oceano, questo appassionato di snowboard ha trovato lavoro a Nendaz anche nella stagione estiva, soprattutto come giardiniere. Per niente al mondo scambierebbe la sua vita "sul filo delle stagioni" per un lavoro fisso in un ufficio. Una scelta che gli permette anche di viaggiare a prezzi ridotti durante la bassa stagione. "È la libertà", dice.

Il dopo-sci, un pericolo per il portamonete

Per guadagnarsi da vivere, tuttavia, è necessario rimanere vigili, che la tentazione di spendere un sacco di soldi quando si esce è enorme. "La prima stagione sono tornato con 6'000 franchi di debiti. Non avevo abbastanza lezioni di snowboard ed ero sempre in giro", confida Ludovic Delerue. Se l'atmosfera festosa delle località invernali piace, i lavoratori stagionali incontrati sono tutti d'accordo su una cosa: bisogna sapere gestire la festa per non lasciare tutte le proprie entrate nei bar.

Quando gli impianti di risalita si fermano, ai piedi delle piste, il bar dopo-sci "Igloo Gloo" inizia a prendere vita. Grandi altoparlanti suonano musica festosa e i clienti in tenuta da sci si affollano al banco. È una stagionale con un percorso fuori dal comune a servire da bere, distribuendo sorrisi. Reva Segonne, 35 anni, è taitiana e ex modella. Ha partecipato al concorso Miss France 2006 come rappresentante della regione Poitou-Charentes.

La tahitiana Reva Segonne, ex Miss Poitou-Charentes, gestisce un bar sulle piste di sci di Nendaz.

(swissinfo.ch)

Colei che ha iniziato la sua carriera professionale nel mondo della finanza apprezza l'atmosfera della località sciistica vallese. "C'è una bella comunità di lavoratori stagionali e locali, ed è soprattutto questo aspetto che mi piace". Tanto che ha in programma di trovare lavoro a Nendaz anche per la stagione estiva.

Le colonne portanti della ristorazione

Più in basso anche l'Hotel Edelweiss accoglie gli sciatori in una calorosa atmosfera. I turisti degustano una varietà di birre belghe, messe in auge dal proprietario fiammingo Filip Duvillier. Quest'ultimo inizialmente è venuto a lavorare come istruttore di snowboard per una stagione. "Sono arrivato una sera, quasi 10 anni fa, e ho dovuto fare autostop per arrivare in paese. La signora che mi ha preso mi ha detto: Fai attenzione perché la gente che viene qui una volta, non se ne va più! "

"Ormai, cerco di non prendere candidati troppo giovani per evitare di aver gente che viene qui principalmente per sciare e divertirsi"
Filip Duvillier

Fine della citazione

L'istruttore di snowboard ha ceduto al fascino della stazione sciistica e si è trasformato in albergatore con la sua amica Sarah Garcia. Tutti i dipendenti sono lavoratori stagionali, il più delle volte francesi o belgi. "Non riceviamo mai richieste da parte degli svizzeri", dice. Si tratta poi di fare una selezione. "Ormai, cerco di non prendere candidati troppo giovani per evitare di aver gente che viene qui principalmente per sciare e divertirsi". Se ora ha trovato una squadra che funziona bene, in passato ha già dovuto separarsi dai dipendenti.

Il belga cerca di mantenere i buoni elementi anno dopo anno, ma questo non è sempre possibile. Ogni inizio di stagione diventa una prova del fuoco per la struttura. "È difficile formare il personale in anticipo, perché i clienti sono molto pochi. Si passa da 25 coperti a 150 da un giorno all'altro. Abbiamo due settimane per organizzare tutto", dice Filip Duvillier. Cerca così di accompagnare il suo staff in cucina per dare consigli prima dell'arrivo della massa di turisti. L'albergatore affitta anche due appartamenti per i dipendenti, che possono coabitare per circa 350 franchi al mese.

Negli alberghi, nei ristoranti, sulle piste o nei negozi, tutte queste braccia venute a volte da lontano permettono a un comune di passare da 6600 abitanti fuori stagione a quasi 30'000 in inverno. "Senza di loro, sarebbe impossibile mandare avanti questa stazione sciistica", dice Baptiste Constantin, direttore di Nendaz Tourisme.


Traduzione dal francese di Paola Beltrame

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.