Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

I progetti per sostenere Bulgaria e Romania possono partire


Apponendo la loro firma sugli accordi, Doris Leuthard (sulla sinistra), Tomislav Donchev, Teodor Baconschi e Micheline Calmy-Rey hanno dato il via ai progetti in Romania e Bulgaria (Keystone)

Apponendo la loro firma sugli accordi, Doris Leuthard (sulla sinistra), Tomislav Donchev, Teodor Baconschi e Micheline Calmy-Rey hanno dato il via ai progetti in Romania e Bulgaria

(Keystone)

La Svizzera ha siglato martedì gli accordi bilaterali con la Romania e la Bulgaria che aprono la strada ai primi progetti finanziati dalla Confederazione per attenuare le disparità economiche e sociali nei due paesi dell'Unione Europea.

I trattati sono stati firmati martedì a Berna dalla presidente della Confederazione Doris Leuthard, dal ministro bulgaro della gestione dei fondi europei Tomislav Donchev, dal ministro degli esteri rumeno Teodor Baconschi e dalla sua omologa elvetica Micheline Calmy-Rey.

Questi accordi regolano l'attuazione dei contributi all'allargamento dell'Unione Europea destinati ai due ultimi nuovi paesi membri.

I primi progetti dovrebbero iniziare ad essere realizzati a partire dalla fine del 2010, stando a quanto comunicato dal Dipartimento federale dell'economia e da quello degli affari esteri.

In Romania saranno sostenuti progetti per 181 milioni di franchi e in Bulgaria per 76 milioni. I finanziamenti saranno versati sull'arco di 10 anni.

Lo stanziamento dei fondi avverrà tramite una cooperazione bilaterale, ma l'ultima parola sul finanziamento spetta comunque alla Svizzera. "I progetti e i programmi prevedono misure adeguate contro gli abusi e la corruzione", si precisa nel comunicato.

Con il contributo all'allargamento, la Svizzera partecipa agli sforzi per ridurre le disparità economiche e sociali presenti nell'UE allargata.

Il 26 novembre 2006, accettando la legge sulla cooperazione con gli Stati dell'Europa dell'est, il popolo svizzero ha accordato un miliardo di franchi ai dieci Stati che nel maggio del 2004 hanno aderito all'UE. Per la Romania e la Bulgaria, entrate nell'UE nel 2007, il parlamento ha poi stanziato ulteriori 257 milioni di franchi.

swissinfo.ch e agenzie



Link

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×