Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

In pillole La settimana in Svizzera

In Svizzera è una grande novità: alla testa (politica) dell'esercito è stata nominata una donna. Intanto il parlamento ha bocciato la nuova legge sul clima. Nessuna legge particolare neppure per le criptovalute. In Ticino il presidente dell'Accademia della Crusca ha presentato la sua ultima pubblicazione: "L'italiano è meraviglioso". Sempre a proposito di lingua, i sordomuti vorrebbero che la loro lingua fosse riconosciuta ufficialmente e hanno organizzato una piccola lezione a tutti i parlamentari elvetici.

A destra la neoeletta Viola  Amherd con il capo dell'esercito Philippe Rebord

A destra la neoeletta Viola Amherd con il capo dell'esercito Philippe Rebord.

(© KEYSTONE / JEAN-CHRISTOPHE BOTT)


La neoeletta Consigliera federale Viola Amherd nel suo piccolo passerà alla storia. Mai una donna prima d'ora aveva diretto il Dipartimento della difesa. Politicamente dunque sarà lei il capo dell'esercito elvetico.


Dopo quattro giorni di dibattiti, la legge messa a punto per dimezzare le emissioni di gas a effetto serra (Co2) entro il 2030 è stata bocciata dal Parlamento. L'obiettivo, sottoscritto anche da Berna, è quello di contenere l’aumento delle temperature medie al di sotto di due gradi.


Il governo svizzero non intende promuovere una specifica legge sulle nuove tecnologie finanziarie basate sulle cosiddette "blockchain", i registri digitali condivisi su cui si fondano le nuove criptovalute divenute di moda negli ultimi anni. Contrariamente ad altri Paesi, la Svizzera non vuole regolare la tecnologia ma i processi, limitandosi a garantire alle società che operano nel settore le migliori condizioni quadro possibili.


"L’italiano è meraviglioso. Come e perché dobbiamo salvare la nostra lingua". È il titolo del libro di Claudio Marazzini, Presidente appunto dell’Accademia della Crusca. Secondo quest'ultimo, il più acerrimo nemico della lingua italiana sarebbe il provincialismo e l'esterofilia degli italiani. 


Il bar del Parlamento svizzero si è trasformato mercoledì in un punto di incontro e di scambio tra non udenti e udenti grazie a un'iniziativa promossa dalla Federazione svizzera dei sordi (Fss). Lo scopo è quello di sensibilizzare il grande pubblico alla cultura dei sordi e a una vera e propria lingua che la Fss vorrebbe veder riconosciuta ufficialmente.  

Sordità e sensibilizzazione La lingua dei segni in Parlamento

Il café Vallotton, nel Parlamento svizzero, si è trasformato mercoledì per qualche ora in un punto di incontro e di scambio tra udenti e non udenti.  


tvsvizzera.it/fra

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.