Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Inchiesta sui redditi


Il livello di vita in Svizzera tra i più elevati d’Europa




Anche se i prezzi sono molto più elevati in Svizzera che altrove, ai cittadini elvetici rimangono comunque non pochi soldi in tasca rispetto agli abitanti di altri paesi europei. (Keystone)

Anche se i prezzi sono molto più elevati in Svizzera che altrove, ai cittadini elvetici rimangono comunque non pochi soldi in tasca rispetto agli abitanti di altri paesi europei.

(Keystone)

La Svizzera è uno dei paesi più cari del mondo. Città come Ginevra e Zurigo figurano spesso ai primi posti delle metropoli più dispendiose del pianeta. I cittadini elvetici continuano però ad avere un elevato standard di vita.

Se per paragonare il livello di vita ci si basa sul reddito disponibile, la Svizzera è il terzo paese meglio classificato in Europa, stando all’ultima statistica in merito pubblicata lunedì. Solo i lussemburghesi e i norvegesi hanno entrate più elevate una volta corrette le differenze di prezzi e dedotte le spese obbligatorie.

«Malgrado l’alto livello dei prezzi in Svizzera, la situazione finanziaria della popolazione […] è più confortevole di quella della maggior parte dei nostri vicini e dei paesi dell’Unione Europea», rileva l’Ufficio federale di statistica.

Ad esempio, il reddito disponibile in Svizzera è di 1,7 volte superiore rispetto a quello in Italia e di 1,3 a quello in Germania o in Francia.

Vi è però anche l’altra faccia della medaglia: la percentuale di persone al di sotto della soglia di povertà è aumentata tra il 2013 e il 2014, passando dal 5,9 al 6,6%.

In Svizzera circa 530'000 persone si trovavano in questa situazione. Questa soglia è stabilità a 2'219 franchi al mese per una persona sola e a 4'031 franchi per una coppia con due bambini.

Per circa 370'000 persone (4,6%), le difficoltà finanziarie comportano delle privazioni materiali, ad esempio l’incapacità di far fronte a una spesa imprevista di 2'500 franchi o di riscaldare in modo adeguato il proprio alloggio. In Svizzera il cosiddetto tasso di deprivazione materiale rimane però contenuto rispetto a quello della maggior parte dei paesi europei.


Traduzione e adattamento di Daniele Mariani, swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×