Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Iniziativa "Per imprese responsabili" È possibile responsabilizzare le aziende svizzere all'estero?

Ragazza in un campo di cotone in Uzbekistan

Alcune aziende svizzere sono state criticate perché si riforniscono di cotone in Uzbekistan, dove lo stato obbligherebbe i minorenni a lavorare nei campi per riuscire a raggiungere gli obiettivi di produzione. 

(Keystone / Wang Changshan)

Il popolo svizzero potrebbe presto decidere in votazione se rendere le aziende elvetiche legalmente perseguibili per le loro azioni all'estero. Tre storie mostrano le difficoltà che si possono incontrare per ottenere giustizia nel sistema attuale. 

Se delle imprese con sede in Svizzera o le loro succursali si comportano male all'estero, chi è colpito può rivolgersi ai tribunali locali o ai media, può protestare o può scioperare. Tuttavia, in assenza di leggi efficaci contro determinate violazioni, non c'è molto che la giustizia locale possa fare. 

Inoltre, alcuni governi, per evitare che le proteste spaventino  gli investitori, mettono spesso a tacere il dissenso popolare con leggi concepite per la lotta alla criminalità. 

Quando poi uno straniero cerca di trovare giustizia direttamente in Svizzera, le sue opzioni sono ancor più limitate. 

Un'iniziativa che intende cambiare le cose, intitolata "Per imprese responsabili - a tutela dell’essere umano e dell’ambiente"Link esterno, è attualmente discussa in Parlamento ed è sulla buona strada per essere sottoposta a votazione popolare. 

L'iniziativa chiede che le imprese svizzere siano legalmente perseguibili per violazioni dei diritti umani e danni ambientali anche fuori dai confini nazionali.

Fino a quando questa o altre modifiche legislative non saranno in vigore, le vittime di abusi straniere hanno un solo modo per essere ascoltate in Svizzera: rivolgersi al Punto di contatto nazionale (Pcn) dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse). 

Il Pcn svizzero non ha potere punitivo e può solo aiutare le parti interessate a sedersi allo stesso tavolo per trovare una soluzione. Tuttavia, grazie al Pcn, in molti casi le comunità colpite sono riuscite a incontrare i responsabili di un'impresa, cosa che sarebbe stata quasi impossibile nel loro paese.

Qui di seguito osserveremo più in dettaglio tre casi portati all'attenzione del PcnLink esterno.

Holcim e i diritti fondiari in Indonesia

Gli abitanti del villaggio di Ringinrejo, in Giava Orientale (Indonesia), si guadagnano da vivere coltivando angurie, manioca e mais sui loro appezzamenti di terreno. Ma legalmente non hanno il diritto di essere lì. L'area è stata acquistata dall'industria svizzera di materiali di costruzione Holcim (ora LafargeHolcim) nel 2008 – secondo alcuni in modo poco trasparente Link esterno– e consegnata al ministero dell'ambiente indonesiano nel 2013 in cambio dello sfruttamento di territorio boschivo altrove. Come risultato, oltre 800 famiglie sono diventate occupanti illegali di una zona ora considerata come "foresta". 

Nel 2015, il caso è stato presentato al Pcn svizzero che ha organizzato una mediazione nella Confederazione. Holcim e la comunità interessata sono riuscite ad accordarsi su una serie di misure per risolvere la questione dei diritti fondiari degli autoctoni. Tuttavia, il ministero dell'ambiente indonesiano si è opposto, ignorando le richieste di riclassificazione della zona. 

"Gli abitanti del villaggio coltivano questi terreni, ma legalmente non ne hanno il diritto e potrebbero essere sfrattati in qualsiasi momento. Speriamo di poter promuovere la selvicoltura sociale così da dar loro dei diritti su questo territorio", spiega Andi Muttagien dell'ElsamLink esterno, che ha presentato il ricorso. 

Secondo Muttagien, è stato grazie al Pcn svizzero che gli abitanti sono riusciti a discutere con i responsabili di Holcim Indonesia, cosa che prima non è mai stata possibile.

"Dalla nostra esperienza, il sistema del Pcn svizzero funziona abbastanza bene per iniziare ad affrontare i problemi. Tuttavia, sarebbe utile se l'ambasciata svizzera a Giacarta potesse intervenire maggiormente, per controllare e promuovere l'implementazione delle soluzioni", aggiunge.

In questo caso il Pcn ha avuto un ruolo importante per permettere alla comunità di essere ascoltata. Ma l'approccio inflessibile del governo indonesiano continua a lasciare gli abitanti in una posizione vulnerabile. 

Manodopera infantile in Uzbekistan

Un altro caso portato all'attenzione del Pcn svizzero concerne tre aziende tessili elvetiche che si riforniscono di cotone in Uzbekistan. Il Centro europeo per i diritti umani e costituzionali (Ecchr)Link esterno, che ha presentato il ricorso per conto dei lavoratori, sosteneva che i commercianti di cotone Louis Dreyfus, Paul Reinhart e Ecom Agroindustrial Corp. comprassero il cotone da un fornitore controllato dallo Stato uzbeko che si servirebbe di manodopera infantile durante il periodo di raccolta. 

Le aziende hanno dichiarato di sentirsi in dovere di affrontare la problematica del lavoro minorile in Uzbekistan, ritenendo tuttavia controproducente la sospensione dei rapporti con gli esportatori di cotone. Hanno accettato di lavorare con l'Ecchr e di mettere in atto delle "misure confidenziali" per migliorare la situazione sul posto. 

Dopo alcuni mesi, l'Ecchr ha ritenuto che le imprese non fossero davvero interessate a cooperare come pattuito e ha smesso di collaborare con loro. Alcuni risultati sono stati ottenuti dopo il 2012, anche grazie alle campagne promosse autonomamente dall'Ecchr e da altre organizzazioni.   

"Probabilmente a causa delle pressioni internazionali, le autorità uzbeke non hanno mandato i bambini di tutte le scuole elementari a raccogliere il cotone, come fatto durante altri raccolti", scrive l'Ecchr in un'analisi del sistema dell'OcseLink esterno

In questo caso, il Pcn svizzero non ha permesso nessuna svolta.

"La mediazione del Pcn non prevede sanzioni o misure che obblighino un'azienda a tener fede agli accordi raggiunti. [Dai commercianti di cotone svizzeri] potevamo pretendere poco o niente, e una volta finite le discussioni abbiamo avuto difficoltà a far loro mantenere le poche promesse fatte", afferma Miriam Saage-Maaß dell'Ecchr.

Secondo lei, una base legale avrebbe perlomeno chiarito gli obblighi delle aziende svizzere nell'ambito dei diritti umani e permesso delle sanzioni in caso di violazioni. 

Il governo uzbeko continua a mobilitare circa un milione di persone per raccogliere il cotone ogni anno e raggiungere gli obiettivi di produzione. Solo i bambini più piccoli, fino ai 16 anni di età, non sono più obbligati a partecipare.

"Il Pcn ha contribuito, ma non è stato sicuramente la causa del nostro successo"

Ron Oswald, Uita

Fine della citazione

Problemi sindacali per Nestlé

Nel 2008, i lavoratori di una fabbrica di Nescafé a Panjang, in Indonesia, si sono rivolti al Pcn svizzero sostenendo che Nestlé negava loro il diritto di negoziare i salari. L'Unione dei lavoratori di Nestlé Indonesia Panjang (Sbnip) riteneva che l'azienda elvetica si rifiutasse di divulgare i dati sui salari adducendo che fossero "segreti commerciali". Nestlé si sarebbe inoltre servita di un sindacato "fantoccio" per indebolire l'Sbnip. 

La multinazionale ha reagito dicendo di non essere obbligata dalla legge indonesiana a dare seguito alle richieste dei lavoratori, ma dopo la mediazione del Pcn si è detta disposta a intavolare dei negoziati. 

"Il caso contro di noi è stato chiuso nel giugno del 2010 e, nel 2011, l'Sbnip e Nestlé Indonesia hanno raggiunto un accordo che stabilisce le regole per intavolare dei negoziati collettivi", scriveva Nestlé nel suo rapporto annuale del 2011Link esterno

Ci sono voluti altri due anni affinché i lavoratori ottenessero quello per cui stavano combattendo: una scala retributiva, una struttura salariale con una migliore progressione e degli aggiustamenti in base all'anzianità di servizio. 

Tuttavia, non è stata la mediazione del Pcn a far sì che Nestlé facesse concessioni.

"Il Pcn ha contribuito, ma non è stato sicuramente la causa del nostro successo. Parte del problema era proprio che il Pcn non ha nessun potere per imporre alle parti di trovare una soluzione", spiega Ron Oswald dell'UitaLink esterno, che ha inoltrato il ricorso per conto dell'Sbnip. 

Secondo lui, un sistema di regole vincolanti sarebbe stato sicuramente utile in questo caso. L'assenza di norme efficaci per la protezione dei diritti dei lavoratori in Indonesia ha fatto sì che Nestlé non fosse tenuta a rivelare al sindacato il proprio sistema di retribuzione, indebolendo così la facoltà dei lavoratori di contrattare collettivamente.

Non è abbastanza

Anche se il Pcn svizzero si occupa di un caso, non c'è garanzia che quanto deciso durante gli eventuali negoziati sia effettivamente implementato. 

Un'alternativa sarebbe quella di conferire al Pcn il potere di agire oltre il suo ruolo di mediatore, un aspetto sottolineato anche dall'Ecchr nella sua analisi del caso del cotone uzbeko. 

Le linee guida dell'Ocse, scrive l'organizzazione umanitaria, sarebbero davvero efficaci se il Pcn avesse la facoltà di imporre sanzioni in caso di abusi.

"Il Pcn avrebbe dunque due ruoli: mediatore e giudice".   


Traduzione dall'inglese, Zeno Zoccatelli

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.