Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine del campo rifugiati Dibaga, nei pressi di Mosul in Iraq (foto d'archivio).

Keystone/EPA/AHMED JALIL

(sda-ats)

Fino a un milione di persone potrebbero essere costrette a fuggire dalle loro case in Iraq nelle prossime settimane e mesi con l'intensificarsi degli scontri in diverse zone, nei pressi di Mosul in particolare.

È l'allarme lanciato oggi a Ginevra dal Comitato Internazionale della Croce Rossa (Cicr) che ha quindi lanciato un appello ai donatori per ricevere 17,1 milioni di franchi per prepararsi a fornire aiuti.

"La situazione è imprevedibile, ma dobbiamo prepararci al peggio - ha detto il Direttore regionale del Cicr per il Vicino e Medio Oriente, Robert Mardini - C'è la possibilità che gli scontri si intensificheranno, in particolare nella zona di Mosul e centinaia di migliaia di persone potrebbero essere in fuga nelle prossime settimane e mesi, per cercare un riparo e assistenza. Dobbiamo essere pronti", ha aggiunto Mardini.

I fondi richiesti saranno utilizzati per fornire acqua, cibo, forniture mediche e altre forme di assistenza. Più di dieci milioni di persone hanno bisogno di assistenza nel Paese e più di tre milioni di persone risultano sfollate, ha ricordato il Cicr.

SDA-ATS