Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Kosovo: Belgrado attacca Tirana su progetto 'Grande Albania'

Il ministro degli esteri serbo Ivica Dacic (foto d'archivio).

KEYSTONE/EPA/ANDREJ CUKIC

(sda-ats)

Il ministro degli esteri serbo, Ivica Dacic, ha duramente condannato le affermazioni del premier albanese Edi Rama su una sostanziale unità fra Albania e Kosovo.

Al tempo stesso ha criticato la Ue e i Paesi occidentali accusati di "mettere la testa sotto la sabbia" di fronte alla politica della 'Grande Albania'. Un progetto questo che rappresenta a suo avviso la più grande minaccia alla pace e alla stabilità nella regione balcanica.

"Rama ha detto chiaramente che Albania e Kosovo mirano a essere un solo Stato, con un solo presidente e una politica estera e di sicurezza comune, e nessuno lo critica", ha affermato il ministro serbo che si è detto "stupito" dall'assenza di reazioni e dalla mancanza di condanna dinanzi al chiaro progetto di 'Grande Albania'. Che cosa succederebbe - ha osservato Dacic - se Belgrado dicesse che Serbia e Republika Srpska (entità a maggioranza serba della Bosnia-Erzegovina, ndr) devono avere un solo presidente e una politica estera e di sicurezza comune? "La Serbia non lo ha mai chiesto, ma è continuamente oggetto di critiche da Bruxelles e dai Paesi occidentali", ha detto.

Edi Rama ha presentato la sua idea sul presidente unico e sulla politica estera e di sicurezza comune tra Albania e Kosovo intervenendo ieri alla seduta solenne del parlamento kosovaro a Pristina per i dieci anni dalla proclamazione d'indipendenza.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.