Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dieci anni dopo l'introduzione del principio di trasparenza in materia di documenti ufficiali, la Confederazione non sembra sempre volervisi allineare.

Secondo l'associazione di giornalisti svizzera Loitransparence.ch, resta ancora difficile accedere a talune informazioni dell'Amministrazione federale.

Lo scorso anno, in 45 occasioni, l'Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza e i tribunali federali hanno emanato raccomandazioni o pronunciato sentenze concernenti il principio di trasparenza dell'informazione. La maggior parte riguardava casi in cui giornalisti non avevano potuto ottenere alcun accesso, o solamente un accesso ridotto, a fonti ufficiali.

In 28 casi, i giudici o l'autorità di conciliazione hanno concluso che l'amministrazione non ha voluto, a torto, diffondere le informazioni richieste. In 17 occasioni, la Confederazione ha applicato correttamente il principio di trasparenza, ha precisato oggi Loitransparence.ch.

Tra gli esempi negativi, vengono menzionati i settori degli apparecchi elettrodomestici e delle centrali nucleari. L'Ufficio federale dell'energia (UFE) non ha voluto pubblicare una lista degli elettrodomestici dal bilancio energetico giudicato "mediocre".

In un altro caso, lo stesso ufficio si è rifiutato di fornire una valutazione dei costi previsti per i fondi destinati allo smantellamento delle centrali nucleari. Nei due casi citati, Mister Dati ha criticato la mancanza di trasparenza.

Anche Armasuisse è stata "bacchettata" per aver soppresso taluni passaggi di documenti ufficiali senza fornire giustificazioni.

SDA-ATS