Tutte le notizie in breve

La conferenza stampa degli investigatori.

KEYSTONE/EPA ANP/JERRY LAMPEN

(sda-ats)

Il pubblico ministero olandese ha identificato un centinaio di persone potenzialmente implicato nel lancio del missile Buk del tipo 9M38 che il 17 luglio 2014 ha abbattuto il volo MH17, aereo della della Malaysia Airlines, uccidendo 298 persone.

Il capo della polizia olandese, Wilbert Paulissen, durante la conferenza stampa che ha illustrato le conclusioni dell'inchiesta del Jit (Joint Investigation Team, composto da 5 paesi: Olanda, Australia, Malesia, Ucraina e Belgio) ha dichiarato che l'indagine "ha mostrato che il luogo da cui è stato lanciato il missile era in mano ai ribelli".

Le conclusioni degli investigatori sono "preconcette e politicamente motivate". Così la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova citata dalle agenzie russe.

"La Russia è delusa perché le circostanze in cui si svolgono le indagini non cambiano", ha aggiunto.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve