Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha condannato la società edile brasiliana Odebrecht e una filiale al pagamento di oltre 200 milioni per carente organizzazione dell'impresa.

La condanna per decreto d'accusa avviene alla chiusura di un procedimento coordinato con le autorità brasiliane e statunitensi in relazione al complesso caso di corruzione internazionale attorno al gruppo petrolifero Petrobras, riferisce un comunicato odierno del MPC.

In questo ambito, la procura federale elvetica dal 2014 conduce circa 60 inchieste penali. Su segnalazioni dell'Ufficio di comunicazione in materia di riciclaggio di denaro (MROS), il MPC ha indagato su tangenti pagate da imprese del settore dell'edilizia per assicurarsi gare di appalto.

Le transazioni - con sottrazione di fondi per via contabile per trasferirli a numerose ditte offshore - sono state imputate, tra gli altri, alla società Odebrecht e alla filiale Construtora Norberto Odebrecht (CNO), entrambe con sede principale in Brasile.

Il MPC oggi ha ritenuto queste ditte colpevoli di violazione del diritto penale d'impresa, poiché "non hanno preso tutte le misure ragionevoli e indispensabili per impedire il pagamento di tangenti a pubblici ufficiali stranieri e atti di riciclaggio di denaro". In applicazione della responsabilità solidale, entrambe le imprese sono tenute a versare 117 milioni di franchi alla Svizzera.

Attraverso gli stessi canali utilizzati da Odebrecht la società Braskem ha pagato tangenti. Odebrecht è maggioritaria in questa impresa e lo Stato brasiliano vi partecipa attraverso Petrobras. Dato che Braskem è chiamata a rispondere negli Stati Uniti anche delle tangenti al centro delle indagini in Svizzera, la Confederazione ha abbandonato il procedimento nei suoi confronti e ha stabilito un risarcimento di 94,5 milioni di franchi.

In questo contesto, devono quindi essere pagati complessivamente oltre 200 milioni alla Svizzera. L'importo comprende i fondi confiscati, i risarcimenti, le spese procedurali e una multa di 4,5 milioni che - sottolinea il MPC - paragonata all'estero è di modesta entità.

L'obiettivo dei procedimenti era di recuperare i proventi di reato tenendo conto delle basi legali distinte di Brasile, Stati Uniti e Svizzera e ripartirli in seguito tra le tre autorità preposte al perseguimento penale.

Le pretese fatte valere nei confronti delle società nell'azione civile in Brasile, in seguito all'ammissione di colpevolezza negli Stati Uniti (guilty plea) e per decreto d'accusa in Svizzera, ammontano complessivamente a circa 2 miliardi di dollari.

Le indagini del MPC nel contesto Petrobras e Odebrecht proseguiranno nonostante la chiusura di questi procedimenti nei confronti di Odebrecht e delle filiali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS