Nascondevano soldi futuri attentati in cimitero Parigi

 Tutte le notizie in breve

Nascondevano i soldi per i loro futuri attentati in un cimitero di Parigi (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/EPA/JOSE RODRIGUEZ

(sda-ats)

Nascondevano i soldi per i loro futuri attentati in un cimitero di Parigi. A quanto si apprende, la filiera jihadista che il primo dicembre voleva svolgere degli attentati aveva imboscato 13'300 euro nel cimitero del quartiere Montparnasse, nel sud della capitale.

Obiettivo degli attacchi dovevano essere il quartier generale degli 007 francesi e il 36 Quai des Orfèvres, storica sede della polizia giudiziaria a Parigi.

La somma doveva servire all'acquisto di fucili d'assalto. Tra i messaggi consultati su Telegram dall'agente infiltratosi nella cellula e che ha poi permesso di sventare i piani di morte dei terroristi, c'era anche questo: "Salam Aleykum fratello, il pacchetto è al cimitero di Montparnasse. Prendi lo stradino sterrato a sinistra del cartello verde, 28esima divisione, terza sezione, continua dritto (...) Troverai la tomba intitolata a (...), il pacchetto è in una fessura, tra la lapide e la tomba".

La busta contenente 13'300 euro in tagli da 50 e da 100 era stata recuperata poche ore dopo dalla polizia giunta sul posto seguendo passo passo le indicazioni del messaggio.

Tutti i membri del commando sono stati fermati a novembre. Gli inquirenti hanno scoperto altri piani terroristici. Tra l'altro, la cellula prevedeva di colpire Disneyland Paris, ma anche un centro commerciale a Montreuil, alle porte della capitale.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve