Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Nuova classifica dei paesi


Chi ha la miglior nazionalità?




 Altre lingue: 8  Lingue: 8
Der Index misst laut den Organisatoren "das Ausmass, in dem Bürger eines bestimmten Landes wirklich die Vorteile einer globalisierten Welt geniessen können". (AFP)

Der Index misst laut den Organisatoren "das Ausmass, in dem Bürger eines bestimmten Landes wirklich die Vorteile einer globalisierten Welt geniessen können".

(AFP)

Si può misurare in modo indipendente il valore della nazionalità di una persona? L’agenzia di consulenza Henley & Partners ci ha provato, stilando una classifica delle cittadinanze in funzione di dati economici e di sviluppo, nonché della “più o meno utilità” di un passaporto. La Svizzera giunge all’ottavo posto.

In testa alla classifica figura la Germania, seguita da Danimarca, Finlandia, Norvegia, Svezia e Islanda (entrambe al quinto posto). Seguono Irlanda e Austria (seste) e Francia.

In fondo figurano invece molti Stati africani: Sudan (157), Eritrea (158), Repubblica centrafricana (159) e Repubblica democratica del Congo (161).

La Henley & Partners, che offre ai suoi clienti soluzioni di “citizenship by investment”, sostiene di essere la prima ad aver realizzato una classifica di questo tipo, che si basa su indicatori interni ed esterni. Sono considerati fattori interni il grado di stabilità di un paese (Global Peace Index), la forza dell’economia (PIL) e l’indice di sviluppo umano dell’ONU. I fattori esterni sono invece legati alle opportunità date ai cittadini di un paese di viaggiare o di installarsi in un altro Stato a scopi professionali, senza bisogno di chiedere un visto.

Più gli individui hanno difficoltà ad uscire dal paese, più basso è l’indice di “utilità” di un passaporto, e viceversa. 

Che cosa ne pensate di questo tipo di classifica? Dite la vostra! 


(Traduzione dall'inglese)

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×