Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Nuove cifre sull’asilo


Germania meno accogliente, gli afgani scelgono la Svizzera


Di swissinfo.ch e agenzie


Tra gennaio e ottobre 2015, in Svizzera sono state presentate poco meno di 29'000 domande di asilo. (Keystone)

Tra gennaio e ottobre 2015, in Svizzera sono state presentate poco meno di 29'000 domande di asilo.

(Keystone)

Nel mese di ottobre 2015 sono state presentate in Svizzera 4‘750 richieste d’asilo, in lieve aumento rispetto al mese precedente. Mentre sono calate le domande di cittadini eritrei, sono più che  raddoppiate quelle di richiedenti l’asilo afgani.

La rotta migratoria da sud-est sta acquistando un’importanza crescente anche per la Svizzera, indica in un comunicato odierno la Segreteria di Stato della migrazione (SEM). Nel mese di ottobre, in Svizzera sono state registrate 4'750 domande d’asilo, 206 in più rispetto a settembre. Dall’inizio dell’anno, le richieste sono state 28'962 (+41% rispetto ai primi dieci mesi del 2014).

Situazione in Europa

Nel mese di ottobre di quest’anno, le domande di asilo sono state 10'632 in Austria, 8'666 in Norvegia e 39'181 in Svezia, indica la SEM.

Dietro alle cifre mensili si possono notare due tendenze contrapposte. Il numero di richiedenti l’asilo provenienti dall’Eritrea è calato del 57%, attestandosi a 599. La tempeste autunnali sul Mediterraneo, che rendono la traversata più difficoltosa, potrebbero spiegare il calo, scrive la SEM.

Al contrario, le richieste da parte di cittadini afgani sono più che raddoppiate, passando da 658 a fine settembre a 1'533 a fine ottobre. Sempre secondo la SEM, quest’evoluzione è legata al perdurare della crisi in Afghanistan e alla situazione tesa negli Stati di prima accoglienza e di transito.

Insaprimento dell'asilo in Germania

In principio, la Svizzera non fa parte dei paesi che accolgono più afgani, con l’eccezione del 2011 e 2012, all’epoca dei combattimenti tra le truppe internazionali e i Talebani, ha spiegato in un’intervista all’Agenzia telegrafica svizzera Mario Gattiker, direttore della SEM. Questi avvenimenti, ha detto, mostrano a che punto la migrazione è legata alla situazione che regna nel paese di origine.

Ma non solo. Mario Gattiker ha fatto notare che l’afflusso verso la Svizzera dipende anche dalle politiche adottate da altri paesi europei. La decisione della Germania di rendere più rigorosa la procedura d’asilo nei confronti degli afgani, incita ad esempio molte persone a tentare la fortuna in Svizzera. Berna continua comunque ad appoggiarsi sull’accordo di Dublino, anche rispetto alla Germania, ha precisato Mario Gattiker.

Attualmente, soltanto il 13% dei richiedenti afgani ottengono l’asilo in Svizzera, una percentuale inferiore a quella in altri paesi europei.

Piano d’emergenza

Per far fronte a un afflusso straordinario di rifugiati, la Svizzera dispone di un piano di emergenza stabilito tre anni fa, dopo la Primavera araba.

In base a tale piano, mai implementato nella sua totalità, il governo potrebbe ad esempio emanare disposizioni procedurali semplificate per quanto riguarda la concessione temporanea dell’asilo, ma pure inasprire le condizioni per l’ottenimento dell’asilo.

Inoltre, sono previste misure che consentirebbero di aumentare la disponibilità di alloggio a 6'000 letti entro il 2018, in particolare utilizzando strutture collettive quali i rifugi della protezione civile o le sale comunali.

swissinfo.ch

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×