Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio esecutivo di Swiss Olympic ha dato il proprio assenso alla candidatura di Sion per l'organizzazione delle Olimpiadi invernali 2026 (foto d'archivio)

Keystone/ANTHONY ANEX

(sda-ats)

Il Consiglio esecutivo di Swiss Olympic ha dato il proprio assenso alla candidatura di Sion per l'organizzazione delle Olimpiadi invernali 2026. L'organo direttivo riunito oggi a Berna ha preso la decisione all'unanimità.

Il progetto, secondo quanto è stato reso noto lo scorso gennaio, si articola attorno alla città ospite di Sion e ai poli di Briga (VS), Losanna e Berna. La candidatura si snoda su quattordici siti sportivi, che rispondono al bisogno di ridurre gli investimenti e valorizzare le infrastrutture già esistenti.

Le gare di sci alpino si svolgerebbero a Crans-Montana (VS) e Veysonnaz (VS), quelle di sci acrobatico a Leysin (VD), mentre le competizioni di sci di fondo sarebbero organizzate nella valle di Goms (VS).

Per quanto riguarda le partite di hockey su ghiaccio, esse avrebbero luogo rispettivamente a Berna, Friburgo, Bienne (BE) e Losanna. Si sconfinerà anche nel canton Grigioni dove, in caso di approvazione della candidatura, si svolgeranno le gare di bob e slittino.

Il costo operativo dei giochi è stimato a 1,8 miliardi di franchi. Il contributo fornito da sponsor, collettività pubbliche e "altri" potrebbe ammontare a 750 milioni, mentre la Confederazione sarebbe disposta a fornire un miliardo.

Finora la Svizzera ha ospitato due volte i Giochi olimpici invernali a St. Moritz nel 1928 e nel 1948. Sion ha presentato di recente due candidature senza però riuscire a ottenere la manifestazione: nel 2002 i giochi erano stati attribuiti a Salt Lake City e nel 2006 a Torino.

SDA-ATS