Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Patrimonio storico


La funicolare che puzza, orgoglio di Friburgo


Di Ester Unterfinger (foto) e Islah Bakhat (testo e audio)


 Altre lingue: 5  Lingue: 5
Codice da incorporare

A 116 anni non ha perso niente del suo fascino. La funicolare di Friburgo, iscritta nel patrimonio storico, funziona grazie alle acque di scarico della città. Il suo odore non allontana gli utenti. Anzi, suscita curiosità ed evidenzia le preoccupazioni ambientali della popolazione locale. In viaggio con un conduttore appassionato. 

Sono le 08:45 nella stazione superiore della funicolare di Friburgo, che collega il centro con la parte bassa della città. Gli abitanti sono orgogliosi di questo vecchio mezzo pubblico, un gioiello in stile rétro. Perché la funicolare "è unica in Europa ... ed è tra le pochissime alimentate tramite acque reflue, grazie ad un sistema di contrappesi", come sottolinea con fierezza il sito internet dell'Ufficio del turismo locale. 

Una bruma mattutina vela leggermente il fascino della città vecchia in questa giornata d'estate. I passeggeri arrivano, chiacchierano un po' con il conducente e prendono posto nella prima cabina. Il viaggio è rapido, appena due minuti, ma pittoresco. 

Un viaggio che facciamo più volte in compagnia del conduttore per saperne di più su questo mezzo, messo in servizio nel 1899 dalla birreria Cardinal (chiusa alcuni anni fa). Inizialmente, la funicolare doveva servire soprattutto per trasportare gli operai dalla città bassa, dove molti di loro abitavano, verso gli stabilimenti della birreria. 

Superata la timidezza iniziale, il conduttore Laurent Verdon racconta con gentilezza e umorismo incontri e aneddoti del suo mestiere, che svolge dal 2004 presso la compagnia dei Transports Publics Fribourgeois (TPF). Per guidare la funicolare bastano tre giorni di formazione, ma il lavoro è appassionante e sono necessarie braccia muscolose per azionare il freno. 

Laurent Verdon vende i biglietti, aiuta i passeggeri con carrozzelle o sedie a rotelle ad entrare ed uscire dalla funicolare, saluta il conducente della cabina che incontra ad ogni tragitto. Qui, la vita è alquanto distesa. Vi è un sentore di vacanze, piuttosto che di acque reflue!