Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

"Rocktoberfest" Un concerto neonazista riunisce 5mila persone in Svizzera

Circa 5mila persone provenienti da tutta Europa si sono ritrovate lo scorso fine settimana nel villaggio di Unterwasser, nel canton San Gallo, per assistere al concerto di sei gruppi di estrema destra. Si è tratta di uno dei più grandi eventi neonazisti mai organizzati in Svizzera. 



Il pubblico della "Rocktoberfests": secondo l'organizzazione Antifa, all'evento hanno preso parte alcuni tra i gruppi di estrema destra più conosciuti in Europa. 

Il pubblico della "Rocktoberfests": secondo l'organizzazione Antifa, all'evento hanno preso parte alcuni tra i gruppi di estrema destra più conosciuti in Europa. 

(twitter/antifa bern)

Battezzato “Rocktoberfest”, il concerto era stato autorizzato dalle autorità e gli organizzatori hanno rispettato tutte le esigenze, ha dichiarato il portavoce della polizia cantonale alla Radiotelevisione svizzero-tedesca (SRF). Fatta eccezione per il traffico intenso, non sono stati registrati problemi e fino a domenica nessuno aveva sporto denuncia per violazione della norma penale antirazzismo.

La polizia è rimasta fuori dalla sala nella quale si è svolto l’evento e ha preferito non parlare di “manifestazione neofascista” o di “estrema destra”.

L’organizzazione antifascista AntifaLink esterno – che ha denunciato i fatti su Twitter – ha invece un’opinione diversa. Dal suo punto di vista, la “Rocktoberfest” è stata promossa dal gruppo neonazista «Blood & Honour» e si tratta del più grande evento di questo tipo mai organizzato in Svizzera. Antifa si è detta sorpresa che la manifestazione sia stata autorizzata, allorché simili eventi in passato abbiano portato a un’infrazione della norma penale antirazzismo.

Il sindaco: “Siamo stati imbrogliati”

Intervistato dalla SRF, il sindaco Rolf Züllig ha dichiarato di essere stato informato dagli abitanti della presenza nel villaggio di molti esponenti di estrema destra e di aver immediatamente contattato la polizia. Il concerto aveva tutte le sembianze di un assembramento neonazista, ha spiegato Züllig. Il pubblico aveva un “look facilmente riconoscibile”.

Qualche settimana prima il comune aveva dato via libera all’organizzazione di un “evento musicale con ristorazione e vendita di bevande alcoliche”. Gli organizzatori avevano dichiarato che alla manifestazione avrebbero preso parte sei giovani band svizzere e 600 visitatori circa. “Siamo stati imbrogliati”, ha detto il sindaco.

Tra i gruppi più famosi in Europa

Stando all’organizzazione Antifa, al concerto hanno preso parte alcuni tra i più famosi gruppi musicali dell’estrema destra europea: le band tedesche “Stahlgewitter”, “Frontalkraft”, “Confident of Victory”, “Exzess” e “Makss Damage” e il gruppo svizzero Amok. L’evento era stato apparentemente pubblicizzato da tempo sulle reti sociali e avrebbe dovuto svolgersi nel sud della Germania.

“Se avessimo saputo che si trattava di una manifestazione della destra radicale, non l’avremmo mai autorizzata”, ha dichiarato Züllig, precisando che le autorità stanno valutando la possibilità di prendere delle misure contro la persona che ha chiesto la licenza. Eventuali sanzioni potrebbero però essere inflitte unicamente sulla base alle normative relative alla ristorazione. 

Estremismo di destra in Svizzera

In materia di estremismo di destra, la situazione in Svizzera è “per lo più tranquilla”, secondo il rapporto 2016 sulla sicurezzaLink esterno stilato dal Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC).

Le tensioni nel campo dell'asilo e gli attentati di matrice jihadista in Europa potrebbero alimentare l’estremismo di destra. In Svizzera non sono però attualmente emerse prove concrete di questa tendenza, riscontrata in altri paesi europei, si legge.

I movimenti che gravitano attorno all’estremismo di destra è lontana dai riflettori. Chiusa su se stessa, non trova un seguito nella società elvetica.

Nel 2015 il SIC ha registrato 28 “incidenti legati all’estremismo violento di destra”, un aumento del 47% rispetto all’anno precedente. Tuttavia, viene sottolineato nel rapporto, le cifre sono molto ridotte e le fluttuazioni annuali risultano dunque poco indicative. 

Fine della finestrella


(Traduzione dal tedesco, Stefania Summermatter)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×