Passare direttamente al contenuto
Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Allarme bomba


Caccia svizzeri in azione per scortare aereo israeliano


Due F/A 18 dell’esercito elvetico si sono alzati in volo martedì per scortare un aereo di linea della compagnia israeliana El Al attraverso lo spazio aereo svizzero, a causa di un allarme bomba, poi rientrato.

È atterrato regolarmente all'aeroporto a Tel Aviv, il velivolo della El Al proveniente da New York che martedì è stato scortato nella zona di Sciaffusa da due F/A-18 dell'esercito.

La missione non è passata inosservata: i due caccia hanno provocato due boati supersonici, uditi in varie regioni della Svizzera tedesca.

Sul volo LY002 era scattato un allarme-bomba, poi rientrato, ha reso noto la compagnia israeliana. Le forze aeree svizzere sono state allertate dai colleghi francesi e due F/A-18 sono decollati da Payerne (Vaud) per intercettare il velivolo israeliano.

Durante l'avvicinamento, i caccia elvetici hanno superato il muro del suono e verso le 8.30 due forti boati sono stati avvertiti in gran parte della Svizzera tedesca.

Si è trattato di una cosiddetta «hot mission», ha indicato all’Agenzia telegrafica svizzera il portavoce delle Forze aeree Jürg Nussbaum. L'aereo della El Al è stato accompagnato fino al confine con l'Austria, senza alcuna conseguenza per i velivoli coinvolti.

Successivamente, l'aereo è stato intercettato e scortato anche da Mig dell'aviazione militare di Croazia e Serbia, durante il sorvolo dei due Paesi balcanici. Lo hanno riferito i media a Zagabria e Belgrado.

swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG 5.7.2016)

Diritto d'autore

Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del sito web presso swissinfo.ch è protetto da diritto d’autore. Esso è destinato esclusivamente a uso privato. Qualunque utilizzo dei contenuti del sito web diverso da quello previsto in precedenza, in particolare la distribuzione, la modifica, la trasmissione, la conservazione e la copia richiede la previa autorizzazione scritta di swissinfo.ch. Per informazioni relative a tale utilizzo dei contenuti del sito web, si prega di contattarci all’indirizzo contact@swissinfo.ch.

Per quanto riguarda l'uso a fini privati, è consentito solo utilizzare un collegamento ipertestuale a un contenuto specifico e di aggiungerlo al proprio sito web o a un sito web di terzi. Il contenuto del sito web swissinfo.ch può essere incorporato solo in un ambiente privo di annunci pubblicitari e senza alcuna modifica. In particolare, è concessa una licenza di base non esclusiva e non trasferibile, limitata a un solo scaricamento e salvataggio dei dati scaricati su dispositivi privati e valida per tutto il software, le cartelle, i dati e il loro contenuto forniti per lo scaricamento dal sito swissinfo.ch. Tutti gli altri diritti restano di proprietà di swissinfo.ch. In particolare, è vietata la vendita o l'uso commerciale di questi dati.

×