Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Condannato leader Lega Bignasca

Giuliano Bignasca è stato riconosciuto colpevole di pubblica istigazione alla violenza e ingiuria. Il tribunale distrettuale di Bellinzona lo ha condannato in contumacia a 6000 franchi di multa.

Oltre all'ammenda, il fondatore e presidente a vita della Lega dei ticinesi dovrà pagare 1000 franchi di spese di giustizia. Se Bignasca non ottempererà o non ricorrerà entro 30 giorni, la multa sarà commutata in 60 giorni di detenzione.

I fatti imputatigli risalgono al settembre 2007. Dalle pagine del settimanale "Il Mattino della domenica", Bignasca aveva esortato i lettori a portargli i radar fissi installati dalla polizia in Ticino offrendo in compenso "una taglia" di 500 franchi per la scatola e 1500 franchi per l'intero dispositivo.

Il processo si è svolto martedì nella Pretura penale a Bellinzona. Come avevano preannunciato, né l'imputato né il suo legale si sono presentati in aula. Dopo averli attesi invano, il giudice Damiano Stefani si è ritirato in camera di consiglio per una decina di minuti. Ha quindi emesso la sentenza di condanna che conferma il decreto d'accusa della procura.

Il municipale di Lugano è pure stato condannato per ingiuria contro il capofila degli ex azionisti del Casinò cittadino Adriano Censi. Bignasca lo aveva insultato, sempre sulle pagine del suo domenicale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.